Arena Campovolo, arrivano le ruspe: inaugurazione l’estate prossima

Dopo mesi di attesa e le polemiche seguite ai ritardi nella realizzazione dell'opera, i lavori stanno per partire

REGGIO EMILIA – I lavori dell’Arena Campovolo, finalmente, sembra che stiano per partire. Dopo mesi di attesa e le polemiche seguite ai ritardi nella realizzazione dell’opera, pare che le ruspe siano pronte a mettersi all’opera. Ad aggiudicarsi il project financing, lo ricordiamo, è stata l’Ati (associazione temporanea di imprese tra Coopservice, Consortile Campovolo e Nial Nizzoli). Il costo dell’opera e’ stimato in circa sette milioni, di cui 1,7 milioni finanziati dalla Regione attraverso fondi europei. Il canone di affitto che i gestori dell’arena pagheranno alla societa’ Aeroporto e’ infine fissato in 130.000 euro annui, ma la relativa convenzione non pare essere stata ancora stipulata.

Cosa è stato fatto
A seguito dell’approvazione del progetto esecutivo, avvenuta nel mese di marzo da parte di Enac, sono state completate le verifiche belliche preliminari, la caratterizzazione dei terreni per il loro riutilizzo in loco, la demolizione e smaltimento, o eventuale recupero, del materiale presente nell’area non operativa dell’aeroporto reggiano, la chiusura degli accessi e la verifica della funzionalità della recinzione esterna, la realizzazione della compartimentazione per delimitare e proteggere l’accesso degli utenti all’area operativa dell’aeroporto, gli scavi per l’indagine archeologica dell’area concordati con la Soprintendenza, con sondaggi a due metri di profondità sia nella zona in cui è previsto backstage, sia nell’area accoglienza.

Il cronoprogramma dei lavori
Il cronoprogramma dei lavori, a partire dalla prossima settimana e per i mesi di luglio e agosto, prevede, per quanto concerne il sedime dell’Arena, l’accantieramento e l’allestimento delle opere provvisionali, la verifica dei sottoservizi esistenti e degli impianti elettrici, la sistemazione generale con la demolizione delle pavimentazioni esistenti e incongrue, la creazione della collina artificiale in terreno riportato. Per il lotto relativo invece all’area di accoglienza è prevista anche in questo caso la demolizione delle pavimentazioni e la creazione di un nuovo piano quotato, mediante la movimentazione del terreno e l’avvio delle opere fognarie e di drenaggio. Contemporaneamente verrà realizzata la nuova strada di accesso all’area aeroportuale da viale dell’Aeronautica e la ricollocazione nell’area operativa della scuola paracadutisti.

Gli eventi
L’inaugurazione è prevista per l’estate del prossimo anno. Eventi di grande richiamo come quelli previsti nell’Arena, con una capienza da 10mila a 100mila spettatori, porteranno, nelle intenzioni dei soggetti che la stanno realizzando, in città migliaia di persone (la stima è di 320mila persone tra aprile e ottobre) che si appoggeranno alle strutture turistiche locali e potranno fare della visita a Reggio anche un’occasione per conoscere il territorio e i suoi prodotti.