Luzzara, uccide i due figli e poi tenta il suicidio

Una donna di 39 anni, di Suzzara, è stata trovata nella sua auto in un'area golenale con il bambino in grembo e un coltello nella pancia. Trovata morta anche la figlia nella sua abitazione

LUZZARA (Reggio Emilia) – Tragedia nelle campagne di Luzzara: uccide i due figli e poi tenta il suicidio. Un pastore, Alfredo Contarino, intorno alle 16, ha visto una macchina in sosta, una Fiat Stilo Station Wagon (foto da Reggio Report), nell’area golenale vicina ai laghi artificiali delle cave in via Lorenzini. Si è avvicinato e, all’interno, ha notato una donna con una coperta addosso, agonizzante, con un coltello nella pancia.

Antonella Barbieri, 39 anni, di Suzzara nel mantovano, era in auto con il figlio Lorenzo Zeus, di 5 anni, ucciso con un coltellata al cuore come si scoprirà dopo. La donna, invece, aveva una profonda ferita di coltello nella pancia, ma era ancora viva.

Sul posto, chiamati dal pastore, sono arrivati subito i carabinieri di Luzzara e i soccorritori della Croce rossa inviati dal 118. Per il bambino non c’era più nulla da fare, mentre la donna è stata portata all’ospedale Santa Maria Nuova per cercare di salvarla. Secondo una prima ricostruzione dei carabinieri, pare che la signora abbia tolto la vita al figlio con il coltello e poi abbia lo abbia usato per cercare di uccidersi.

La 39enne, originaria di Carpi, ma residente a Suzzara, che ha due figli, Kim, 2 anni e Lorenzo, 5 anni, e che pare che in passato abbia avuto problemi psichici, è ricoverata in gravi condizioni, ma non è in pericolo di vita. Dopo aver cercato in zona la seconda figlia della vittima i militari sono andati nella casa di Suzzara, in via Opi, dove abita la donna e lì hanno scoperto che aveva ucciso anche la bambina di due anni che è stata soffocata con un cuscino. La famiglia del marito, Andrea Benatti, ex rugbista del Viadana, è molto nota a Suzzara, dove lavora a Motteggiana nell’officina meccanica di famiglia.

Le indagini sono coordinate dal sostituto procuratore Maria Rita Pantani. Da qualche tempo, a quanto pare, il matrimonio tra Antonella e Andrea (si erano sposati nel 2010) era in crisi. La 39enne avrebbe sofferto in passato di problemi psichici e pare che fosse andata via di casa più volte. E’ probabile che il gesto di follia sia stato causato dalla depressione. La donna è stata arrestata per duplice infanticidio. Dato che si teme un altro raptus suicida, la sua stanza è guardata a vista dai carabinieri del nucleo operativo di Guastalla.

Antonella Barbieri

Il sindaco Costa: “Una tragedia che toglie il fiato
Il sindaco di Luzzara Andrea Costa, arrivato sul posto, ha detto: “La nostra comunità e quella di Suzzara questa sera sono accomunate nel dolore. Quella che si è consumata è una tragedia che toglie il fiato. Ogni delitto, ogni evento tragico, causa dolore. Ma il dolore che si prova quando le vittime sono i bambini non ha eguali. Non chiediamoci ‘perchè’, non esiste un perché, non può esistere un perché. Questo è il momento del pianto: piango per quei due bambini, piango per una famiglia che non c’è più, piango per chi resta e deve affrontare questo dolore immenso. Se ha un senso la parola ‘comunità’ questo è il momento di dimostrarlo e piangere insieme”.