Quantcast

Punto nascite, il M5S attacca: “Riunione segreta sul S. Anna”

Il Movimento 5 Stelle presenterà un'interrogazione in Regione: "Vergognoso l'incontro blindato in Provincia con Venturi, i sindaci e i vertici dell'Usl"

REGGIO EMILIA – Sul futuro del punto nascite di Castelnovo Monti arrivano nuove polemiche. A scatenarle e’ la riunione a porte chiuse che si e’ svolta venerdi’ scorso tra l’assessore regionale alla Sanita’ Sergio Venturi, l’Asl di Reggio Emilia e alcuni sindaci dei paesi dell’Appennino, nella sede della Provincia di Reggio.

Una vicenda su cui Gianluca Sassi e Raffaella Sensoli, consiglieri regionali del M5S, attaccano la giunta e preannunciano un’interrogazione. “Con la riunione blindata sul futuro del punto nascite di Castelnovo Monti l’assessore Venturi e i vertici dell’Asl hanno dimostrato qual e’ la loro voglia di coinvolgere i cittadini nei processi decisionali. Alla faccia della tanto sbandierata partecipazione che la Giunta regionale dice di voler perseguire”, affermano i grillini.

Secondo cui, inoltre, “e’ francamente vergognoso che i cittadini che da mesi aspettano di avere certezze sulla salvaguardia di questa struttura siano stati completamente tenuti all’oscuro di un importante momento di confronto”. A questo punto, concludono Sensoli e Sassi, “presenteremo una interrogazione urgente per capire cosa si e’ deciso nell’incontro di venerdi”, dato che e’ solo questo il modo per riuscire a capire come stanno realmente le cose. Venturi, tra l’altro, dovra’ spiegarci meglio l’idea di istituire una commissione tecnica per valutare il grado di sicurezza del punto nascite”.