Coalizione civica: “Fcr, aumenti per il Cda: non per i lavoratori”

Aguzzoli e De Lucia contrari all’aumento di stipendio all’ex capogruppo PD Andrea Capelli, ora presidente Fcr, da 5.000 a 7.000€ al mese

REGGIO EMILIA – “Il contratto dei farmacisti è fermo da 7 anni ma Farmacie Comunali Riunite, azienda partecipata del Comune di Reggio Emilia, decide di aumentare con coraggio lo stipendio ad alcuni lavoratori. Ovvero al consiglio di amministrazione, per scelta del Comune (non legge nazionale) si passa da 132.931,03 euro del 2022 a 176,701,79 euro del 2024”.

Lo scrive Coalizione civica facendo notare come il presidente Andrea Capelli (ex capogruppo Pd nominato dal sindaco Luca Vecchi), in particolare, passa al mese da 5.137,43 euro del 2022 a 7.163,86 euro nel 2024. Oltre 24.000 euro di aumento l’anno.

Precisano i consiglieri De Lucia e Aguzzoli: “Lo ribadiamo per essere chiari: è una scelta votata dal consiglio comunale, non sono obblighi di legge nazionale o altro. Il consiglio poteva decidere di tenere gli stipendi fermi ma ha voluto aumentarli. Visto che l’azienda ha conseguito utili per quasi 8 milioni di euro, non si poteva partire a sostenere chi sta peggio nell’azienda e non gli apicali che godono già di ottimi stipendi?”.

Questa notizia arriva ad un mese esatto dallo sciopero dei dipendenti della stessa FCR, magazzinieri, impiegati e farmacisti, che sono senza rinnovo contrattuale da oltre 7 anni e che sono stati costretti a scendere in piazza a causa delle resistenze delle aziende municipalizzate del farmaco nel garantire ai lavoratori un rinnovo del contratto dignitoso.

Conclude Coalizione civica: “E ancora nel bilancio si parla di dismissione di immobili, abbiamo chiesto quali. Così come nel bilancio si scrive che l’azienda contrarrà debito per gli investimenti, quanto debito e per quali investimenti? L’assessore al Bilancio Marchi, non molto preparato alla discussione, non ha saputo risponde a nessuna delle domande”.

Hanno votato a favore degli aumenti di stipendio al Presidente e CDA, alla possibile dismissione di immobili e contrazione di debito per FCR i consiglieri Aguzzoli Claudia Dana (PD), Cantergiani (PD), Braghiroli (PD), Castagnetti (PD), Corradi (PD), Ferrari (PD), Ferretti (PD), Genta (PD), Ghidoni (PD), Iori (PD), Mahmoud (PD), Montanari (PD), Pedrazzoli (PD), Piacentini (PD), Perri (Reggio E’), Burani (Immagina Reggio) e Benassi (Più Europa).

Hanno votato contro a questa gestione dei soldi pubblici di FCR: De Lucia (Coalizione Civica), Aguzzoli Fabrizio (Coalizione Civica), Bassi (Forza Italia), Salati (Lega), Melato (Lega), Rinaldi (Lega), Sacchi (Lega), Varchetta (Lega). Si sono astenuti i consiglieri del M5s Soragni e Bertucci.

farmacie