Quantcast

Giovane scomparsa a Novellara, il padre non risponde su Facebook foto

Shabbar Abbas non ha replicato alle domande del nostro giornale che gli chiedeva dove fosse finita la figlia e poi ci ha bloccati. Ultimo post, il video di una funzione religiosa in Pakistan

NOVELLARA (Reggio Emilia) – Shabbar Abbas (nelle foto), il padre di Saman, la 18enne di Novellara scomparsa da un mese che si teme possa essere stata uccisa (la procura indaga per omicidio) è andato in Pakistan con la famiglia ai primi di maggio. Reggio Sera ha provato a contattarlo via Messenger, sul suo profilo Facebook, per capire cosa fosse accaduto alla figlia che, a quanto sembra, non ha preso nessun volo dall’Italia verso il Pakistan, ma il 43enne non ha risposto. Poi ci ha bloccato (in un primo momento pensavamo avesse chiuso il profilo) e ora non possiamo più vedere il suo profilo Facebook.

Le foto che vi mostriamo sono state scaricate prima che il profilo venisse bloccato. Mostrano un uomo sorridente, sul suo trattore, immortalato vicino a zucche giganti. Nel suo profilo compaiono le foto del figlio minore, ma non della figlia e della moglie quasi come se queste due donne, nella sua vita, non esistessero.

Shabbar, nato a Lahore, in Pakistan, lavorava nell’azienda agricola Le Valli di Novellara in via Cristoforo Colombo da 15 anni. Il pakistano viveva in via Cristoforo Colombo con la moglie, una 46enne, la figlia Saman e un figlio minorenne. Insieme a loro il fratello dell’uomo e altri due ragazzi. Una persona che è sempre stata descritta dalla famiglia Bartoli, proprietaria dell’azienda, come educata e gentile. Poi, ai primi di maggio, la scomparsa, senza avvertire i suoi datori di lavoro.

Nel profilo Facebook si evinceva che fosse in Pakistan da una cerimonia religiosa postata e ripresa in diretta proprio il 4 maggio.