L’assassino del Moulin Rouge si è costituito

Il 34enne Hicham Boukssid si è presentato scalzo stanotte alla caserma di Corso Cairoli. Trovato anche il coltello utilizzato per uccidere la barista 25enne Hui Zhou

REGGIO EMILIA – Si è costituito Hicham Boukssid, il marocchino 34enne responsabile dell’omicidio della barista 25enne Hui Zhou al Moulin Rouge di via XX Settembre. Poco dopo le due di questa notte ha bussato alla porta della caserma dei carabinieri di Corso Cairoli che si sono trovati davanti l’uomo che da dieci giorni le forze dell’ordine stavano cercando ovunque.

Il marocchino, che non si era mai allontanato da Reggio, era scalzo. L’assassino ha anche indicato agli agenti dove trovare l’arma del delitto, il coltello utilizzato per uccidere la barista, che era stato gettato nelle campagne vicino a via dei Gonzaga. Si trovava in un cespuglio che, probabilmente, è stato anche utilizzzato dall’omicida come nascondiglio.

La ragazza, 25 anni, era stata uccisa a coltellate nel bar in cui lavorava nella periferia di Reggio Emilia nel pomeriggio dell’8 agosto. Un omicidio che, secondo testimonianze, è avvenuto nel giro di pochi minuti. La vittima era dietro al bancone a servire alcuni clienti quando intorno alle 18 un uomo è entrato nel bar e l’ha colpita.

Pochi attimi, poi la fuga e l’aggressore ha fatto perdere le sue tracce. La ragazza è morta subito. Nelle ore successive la questura aveva diramato un ordine di cattura in tutta Italia, inoltrato segnalazioni alle frontiere di confine e diffuso anche la foto dell’indiziato. Il movente del delitto è ancora da chiarire anche se potrebbe essersi trattato di un caso di femminicidio e non di una rapina finita male o di un regolamento di conti.