Quantcast

Graniti Fiandre, c’è l’accordo: salvi i 60 lavoratori di Viano

Saranno ricollocati negli altri stabilimenti del gruppo e i 10 lavoratori in somministrazione verranno assunti a tempo indeterminato

VIANO (Reggio Emilia) – Accordo alla Graniti Fiandre di Viano dove 60 lavoratori rischiavano il posto per la decisione dell’azienda di chiudere la sede il 24 dicembre. Dopo tre giorni di sciopero i dipendenti, insieme alle rappresentanze sindacali unitarie e alla Filctem Cgil, hanno tenuto un presidio oggi davanti ai cancelli della sede di Viano in Via Gargola 4.

Oggi pomeriggio l’azienda ha convocato Rsu e Filctem Cgil per ascoltare le loro richieste. La trattativa si è conclusa con un accordo sottoscritto da Azienda e Rsu del sito di Viano e Filctem Cgil di Reggio Emilia che prevede la ricollocazione di tutto il personale negli stabilimenti del gruppo Graniti Fiandre entro gennaio e il mantenimento di tutte le condizioni contrattuali preesistenti, oltre a un riconoscimento economico aggiuntivo sull’indennità casa-lavoro per coloro che risulteranno penalizzati dal trasferimento nelle altre sedi.

Anche i 10 lavoratori in somministrazione saranno tutti stabilizzati ed assunti a
tempo indeterminato da Graniti Fiandre. Infine è stata prevista l’attivazione di una procedura di mobilità volontaria incentivata per coloro che avranno accesso alla pensione entro i prossimi 24 mesi.

Rsu e Filctem Cgil “ringraziano tutti i lavoratori che hanno sostenuto con lo sciopero le rivendicazioni sindacali ed esprimono soddisfazione per un accordo che tutela al massimo l’occupazione garantendo a tutte le maestranze le condizioni contrattuali acquisite nel corso degli anni nello stabilimento di Viano. Resta comunque il rammarico di un azienda importante che lascia il territorio montano, destinato a diventare sempre più fragile dal punto di vista socio economico”.