Quantcast

Rissa al lido Po di Boretto, sei giovani colpiti da Daspo urbano

Sono i responsabili della violenta rissa scoppiata nella notte del 4 luglio scorso nel parcheggio del locale pubblico "Life lido Po"

REGGIO EMILIA – Il questore ha emanato 6 daspi urbani nei confronti di altrettanti giovani responsabili della violenta rissa scoppiata nella notte del 4 luglio scorso nel parcheggio del locale pubblico “Life lido Po” di Boretto. Secondo gli accertamenti compiuti dai carabinieri, intervenuti sul posto, una ventina di persone, divise in due opposte fazioni si erano affrontate per futili motivi. La discussione, molto animata sin da subito, si era rapidamente trasformata in reciproci scambi di spintoni.

I carabinieri, benche’ nettamente inferiori di numero, sono intervenuti per calmare gli animi, frapponendosi tra le parti. Visto che tra le persone coinvolte c’era anche una donna in stato di gravidanza avanzato, i militari hanno deciso di procedere con tutte le cautele del caso. Tuttavia i partecipanti alla rissa, invece che obbedire agli inviti a disperdersi, si sono rivoltati contro i carabinieri, prima con minacce e poi con spinte e calci.

Il personale dell’Arma è intervenuto con decisione ed ha allontanato i giovani. I carabinieri hanno inseguito i due piu’ esagitati che si erano peraltro resi responsabili dell’aggressione. Li hanno arrestati per violenza, resistenza a pubblico ufficiale e lesioni personali. Al termine delle indagini sono state denunciate altre 4 persone per rissa aggravata.

Il provvedimento di daspo urbano prevede per 2 dei destinatari, ovvero le persone arrestate, il divieto di ingresso e stazionamento nei pressi degli esercizi pubblici e dei locali di pubblico trattenimento, per l’intero territorio provinciale, dalle 19 alle 6 del mattino successivo, per tutti i giorni della settimana.

Gli altri 4 provvedimenti prevedono il medesimo divieto, relativamente pero’ al solo territorio del comune di Boretto, per periodi che vanno dagli 8 al 12 mesi.