Quantcast

Saman, quel funerale senza salma celebrato in Pakistan

Pubblicato il 4 maggio sulla pagina Facebook del padre Shabbar e poi rimosso dopo pochi giorni

REGGIO EMILIA – La trasmissione Rai “Chi l’ha visto?” ha mostrato un video di un funerale senza salma organizzato in Pakistan pubblicato il 4 maggio scorso dal padre di Saman Abbas, Shabbar, sui social e poi rimosso dopo pochi giorni. Nel filmato si vedono pochi secondi di esequie che potrebbero essere state organizzate per la 18enne scomparsa.

Nelle immagini trasmesse si vedono anche alcuni uomini che si autoflagellano. Il programma, poi, ha anche raccolto il parere di Ebla Ahmed, operatrice di un’associazione che si occupa di contrastare la violenza di genere.

La mediatrice ha spiegato che il rito religioso ripreso “si svolge in un dialetto pakistano”. “Vediamo un gruppo di uomini seduti ad un tavolo con un telo bordeaux con incisi versi del Corano”, ha continuato. “Normalmente questo telo – ha aggiunto la voce femminile – viene utilizzato per coprire il corpo del defunto, che però in questo caso non c’è”.

La mediatrice culturale ha aggiunto che si vedono quindi “uomini che si battono il petto, altri che si colpiscono alla testa. Questi gesti – ha detto la donna – sono in uso da quanti professano la religione sciita per chiedere perdono e per purificarsi dei loro peccati”.