Investito dopo lite a Calerno, denunciato un 20enne di Guastalla

Lesioni personali aggravate, omissione di soccorso e guida senza patente le accuse mosse al giovane dai carabinieri di S. Ilario

S. ILARIO (Reggio Emilia) – Una lite iniziata all’interno di un bar Calerno e degenerata poi in una scazzottata culminata con l’investimento di un 55enne del paese, colpevole di aver cercato di raggiungere il contendente per chiarire ulteriormente la questione. Un grave fatto di cronaca quello verificatosi sabato pomeriggio a Calerno. I carabinieri hanno identificato l’autore dell’investimento, un ventenne di Guastalla, e lo hanno denunciato per lesioni personali aggravate, omissione di soccorso e guida senza patente.

La vittima, un 55enne di S. Ilario, è stato ricoverato con una prognosi di 28 giorni per le lesioni subite. E’ accaduto nel tardo pomeriggio di sabato. Tre persone stavano sedute nel bar. All’improvviso la situazione è degenerata quando un uomo di 55 anni si è avvicinato per invitarle a non fare confusione. Ne è nata una lite con il 55enne che ha ricevuto dall’odierno indagato due pugni in faccia per poi cercare di allontanarsi salendo sull’auto.

Il 55enne lo ha raggiunto, ma è finito a terra quando il conducente l’ha colpito con la portiera dell’auto. Poi lo ha investito nella manovra di retromarcia. Poi è fuggito lasciando a terra il 55enne senza soccorrerlo. Il ventenne guastallese, peraltro, non poteva guidare dato che non aveva la patenet.