Criminali scatenati, terzo bancomat fatto saltare in 24 ore foto

Colpita la Emilbanca di Canossa, tanta paura tra i residenti per il boato nella notte. Decine di chiamate ai carabinieri

CANOSSA (Reggio Emilia) – Terzo colpo in 24 ore per la gang del bancomat: ad esplodere questa notte lo sportello della Emilbanca di via Val d’Enza Nord a Canossa, dopo gli assalti a Novellara e Fabbrico. I banditi sono riusciti a dileguarsi con il contante evitando di cadere nella rete tesa dai carabinieri per intercettarli.

Svegliati dal boato poco prima della mezzanotte di ieri (3 luglio), i residenti hanno chiamato numerosi al 112: dal Comando provinciale reggiano hanno inviato sul posto  i carabinieri  di San Polo insieme ai colleghi del nucleo operativo della compagnia di Castelnovo Monti. I malviventi avevano fatto esplodere la postazione Atm della Emilbanca, probabilmente attraverso il congegno cosiddetto a “marmotta” innescato grazie ad un apposito contatto elettrico. Oltre allo sportello – che è andato distrutto – , anche la struttura ha subito gravi danneggiamenti In corso di quantificazione gli ingenti danni alla banca conseguenti alla deflagrazione. Sulla vicenda sono in corso le indagini da parte dei carabinieri della stazione di San Polo che stanno lavorando insieme al nucleo operativo della compagnia di Castelnovo Monti coordinati dalla Procura reggiana che ha aperto un inchiesta.

La banda sicuramente è composta da professionisti del crimine e probabilmente aveva colpito anche il 19 giugno a Castelnovo Sotto.