Lavoro, convocazioni per assunzioni alla cieca: è sciopero

A Reggio torna a fermarsi il personale degli sportelli Iren

REGGIO EMILIA – Nuovo sciopero questa mattina degli addetti reggiani in appalto di Iren Mercato, che gestiscono gli sportelli alla clientela. La vertenza e’ partita nei giorni scorsi quando, a fronte del cambio appalto inizialmente previsto per l’1 agosto e poi anticipato all’1 luglio, il nuovo gestore ha previsto l’applicazione di un contratto peggiorativo, (quello del Multiservizi) invece che quello del Commercio attualmente vigente.

A provocare lo sciopero odierno, invece, il fatto che le aziende subentranti nella gestione degli sportelli avrebbero convocato le dipendenti lunedi prossimo “per la firma di contratti di assunzione che – dice la Filcams-Cgil di Reggio Emilia – neppure sono disponibili a far vedere alle dipendenti prima della firma. In sostanza si dice ai lavoratori che devono firmare alla cieca oppure rimanere fuori”.

Il “grande assente”, secondo il sindacato, resta Iren “che anche questa mattina avrebbe cercato di tenere aperti gli sportelli con personale diverso da quello delle imprese in sciopero. Una condotta in spregio alle richieste di persone che da anni operano presso i loro sportelli e che ormai sono diventati par la multi utility solo costi da ridurre per incrementare i guadagni”, commenta Luca Chierici, segretario della Filcams provinciale.

“Chiediamo ancora una volta che le aziende coinvolte nell’appalto si rendano disponibili ad un incontro per definire le condizioni di passaggio senza perdita di diritti per nessuno dei lavoratori”, aggiunge il segretario.