Operaio licenziato, la politica: “Pregel ritiri il provvedimento”

Si schierano a favore del delegato sindacale il M5S e i consiglieri comunali del PD, Immagina Reggio, Più Europa e Reggio E’

REGGIO EMILIA – “In un momento di crisi sociale come questa, non e’ tollerabile inviare lettere di licenziamento il giorno di Pasqua”. Lo affermano i consiglieri comunali del M5s di Reggio Emilia Gianni Bertucci, Paola Soragni e Fabrizio Aguzzoli, a proposito della vicenda Pregel, denunciata dalla Flai-Cgil. “Tra l’altro – aggiungono i pentastellati – viene colpito l’unico rappresentante sindacale dell’azienda”. Come “rappresentanti reggiani del Movimento 5 Stelle invitiamo l’azienda con sede a Gavasseto di rivedere immediatamente questa scelta”, concludono quindi i consiglieri.

Anche molti consiglieri comunali del PD, Immagina Reggio, Più Europa e Reggio E’ stanno con l’operario licenziato a Pasqua da Pregel: “Apprendiamo della notizia scioccante del licenziamento dell’unico rappresentate sindacale dell’azienda Pregel, comunicazione data dall’azienda il Sabato di Pasqua e nei tempi difficili del coronavirus.Troviamo il licenziamento veramente discutibile e assommiamo i nostri pensieri a quelli delle forze sindacali. Licenziare un operario che ha “starnutito senza coprirsi la bocca” perché aveva le mani impegnate, che “ha chiesto informazioni su un macchinario” che dovevano usare lui e i suoi colleghi e che ha avuto l’ardire anni prima di aver “descritto le proprie mansioni in un annuncio di ricerca lavoro”. Pensiamo che nessun lavoratore con la propria famiglia debba scoprire una notizia simile il Sabato di Pasqua soprattutto per il momento storico che stiamo vivendo ora al tempo della pandemia di coronavirus e anche perchè questo lavoratore con il suo stipendio mantiene tutta la famiglia. Invitiamo la storica azienda reggiana con sede a Gavasseto (RE) che da lavoro a circa 300 persone a rivedere questa disposizione. Ora abbiamo bisogno di unità e responsabilità da tutti i fronti per affrontare questa crisi, non di licenziamenti mirati”.

Si registra anche l’intervento del Circolo Pd Reggio Emilia Est che scrive: “La notizia del licenziamento del dipendente (e unico rappresentante sindacale) da parte della PreGel di Gavasseto, nota azienda operante nel nostro territorio, desta turbamento. Desideriamo venga fatta chiarezza al più presto sulla vicenda e che la ditta possa rivedere la propria decisione, ed esprimiamo solidarietà e vicinanza al lavoratore e alla sua famiglia che in questo stato di emergenza sanitaria si trova ad affrontare ulteriori e gravi difficoltà. Auspichiamo che la denuncia di FLAI CGIL abbia la dovuta rilevanza mediatica a tutela della posizione del dipendente; per sensibilizzare la pubblica opinione e prevenire il ripetersi di episodi analoghi in futuro; più in generale, per la pienezza del diritto fondamentale dei lavoratori a formare rappresentanze sindacali in tutti i settori produttivi”.