Lavoro, addette agli scaffali Coop in sciopero

Stamattina hanno incrociato le braccia le 50 dipendenti di Alice che dal primo ottobre saranno sostituite da Ideal Service anche Modena, Mantova, Parma e Bologna. La Cgil chiede garanzie sul contratto

REGGIO EMILIA – Hanno iniziato lo sciopero questa mattina presto le 50 lavoratrici della cooperativa “Alice”, che si occupa di allestire gli scaffali di tutti i punti vendita Coop e Ipercoop di Reggio Emilia. La protesta e’ scattata dopo che la Filt-Cgil e’ venuta a sapere, attraverso una comunicazione arrivata in copia per conoscenza dalla cooperativa Ideal Service, che quest’ultima subentrera’ nell’appalto ad Alice gia’ dall’1 ottobre. Una situazione che riguarda anche le province di Modena, Mantova, Parma e Bologna e rispetto alla quale il sindacato chiede garanzia sulle nuove condizioni contrattuali per le lavoratrici.

“Non sarebbe la prima volta che la committenza prova a far passare l’idea che si possa applicare il contratto meno tutelante da tutti i punti di vista del ‘multiservizi’, al posto di quello attuale ‘Merci e logistica’”, dice la Cgil. Al committente, cioe’ Coop Alleanza 3.0, “abbiamo quindi chiesto un incontro urgente perche’ la priorita’ ora e’ quella di capire quali siano le condizioni del nuovo appalto nel concreto”, spiegano Marco Righi e Federico Leoni della Filt reggiana.

“Ci sono molte cose da discutere (come il Tfr e la quota sociale versata dalle lavoratrici), pertanto per noi la data del primo ottobre non e’ vincolante”. Qui, sottolineano infine Righi e Leoni, “si parla di persone e non di merci che si possono spostare a piacimento senza concordare cosa cambiera’”. Gia’ oggi si attendono nuovi sviluppi ma, se non verra’ convocato un incontro, le lavoratrici sono pronte a incrociare di nuovo le braccia.