Moris Ferretti è il nuovo vicepresidente di Iren

Il manager cooperativo prende il posto di Ettore Rocchi. Nel cda entrerà Francesca Grasselli. Renato Boero nominato presidente, mentre Massimiliano Bianco resta amministratore delegato

REGGIO EMILIA – Il Comitato di sindacato dei soci pubblici azionisti di Iren spa, costituito dai sindaci dei Comuni di Torino, Genova e Reggio Emilia, ha designato congiuntamente Renato Boero per la carica di presidente, Moris Ferretti per la carica di vice presidente e Massimiliano Bianco per la carica di amministratore delegato della società, in vista dell’assemblea dei soci che, il prossimo 22 maggio, sarà chiamata a nominare il nuovo consiglio di amministrazione per il triennio 2019-2021.

Manager cooperativo, Moris Ferretti è stato a capo di Unipeg e poi ha guidato la complessa ristrutturazione di Ccpl e ha risanato Coopbox. Prima di questa nomina era consigliere nel cda di Iren ed era nel comitato retribuzioni dell’azienda. Prende il posto di un altro reggiano, Ettore Rocchi. L’imprenditrice reggiana Francesca Grasselli prenderà il suo posto nel Cda di Iren.

I tre nominativi andranno a comporre la più ampia lista di candidati amministratori espressione dei 90 soci pubblici di Iren, che sarà depositata nei termini previsti presso la sede della Società.

Si legge in una nota firmata da Luca Vecchi, sindaco di Reggio Emilia, Marco Bucci, sindaco di Genova e Chiara Appendino, sindaco di Torino: “Il principio che ha guidato la designazione dei vertici, avvenuta in un clima costruttivo e collaborativo, è stato quello di garantire le migliori condizioni per assicurare un ulteriore percorso di crescita della società negli anni a venire, avendo come obiettivo l’interesse delle comunità servite e dei territori sui quali opera il Gruppo, nella consapevolezza del ruolo svolto quotidianamente da Iren come fornitore di servizi essenziali e a valore aggiunto per la vita dei cittadini e delle significative ricadute socio-economiche generate sui propri territori”.

Iren ha raggiunto i 4 miliardi di euro di ricavi nel 2018, circa 8.000 dipendenti e 3 miliardi di euro di investimenti previsti sui propri territori entro il 2023; indicatori che fanno di Iren la 25esima azienda industriale italiana con un tasso di crescita significativamente superiore rispetto alla media nazionale.

Alla luce del percorso virtuoso intrapreso dal Gruppo nell’ultimo triennio, il Comitato esprime “un sentito ringraziamento a tutti gli amministratori che, con passione e competenza, hanno reso possibile il raggiungimento di tali risultati e posto l’azienda nelle condizioni ottimali per proseguire il proprio percorso di crescita”.