Crollo Genova, trovato un altro corpo: le vittime sono 42

Si tratta di un dipendente dell'Amiu schiacciato con il suo furgone da uno dei piloni

GENOVA – Si chiamava Mirko Vicini. Poco dopo le ore 15 tra le macerie del Ponte Morando è stato trovato il corpo dell’ultima persona dispersa, dopo che in mattinata erano stati estratti i cadaveri di tre persone: una bambina con i suoi genitori, la famiglia Cecarla.

Vicini era un dipendente dell’Amiu (Azienda dell’ambiente del Comune di Genova) ed schiacciato con il suo furgone da uno dei piloni.

Il bilancio del disastro sale così a 42 vittime. La speranza ora è che sotto i detriti – che comunque vanno rimossi dal greto del Polcevera per evitare esondazioni del torrente in caso di piogge – non vi siano altre persone la cui scomparsa  non è stata segnalata alla Prefettura.