Quantcast

Stu Reggiane, quasi un milione di consulenze nel 2017

Negli ultimi 36 mesi la società che si occupa della riqualificazione delle ex Reggiane ha distribuito 1 milione e 400 mila euro. Tutti gli incarichi sono ad affidamento diretto: alcuni destinatari ricorrono più volte

REGGIO EMILIA – La riqualificazione delle ex Reggiane, ormai entrata nel vivo delle operazioni, si sta rivelando già oggi una straordinaria opportunità di lavoro per le aziende del territorio. In prospettiva dal polo dell’innovazione potranno nascere startup e nuova occupazione: ma già negli ultimi 36 mesi la riqualificazione dei capannoni ha creato consulenze per ben 1 milione e 400 mila euro circa. Agli importi stanziati nel 2015 e 2016, pari a 222.333 euro e 298.052 euro, si aggiungono gli incarichi affidati nel 2017: circa 870mila euro.

A distribuire le risorse nei vari progetti è la società Stu Reggiane (società di trasformazione urbana), una spa al 70% del comune di Reggio e al 30% di Iren Rinnovabili, alla cui guida troviamo come presidente l’ex ministro prodiano Giulio Santagata e come amministratore delegato Luca Torri, tra l’altro rispettivamente promotore e candidato della Lista Insieme che ha corso alle recenti elezioni politiche.

L’elenco delle consulenze del 2017 è stato recentemente pubblicato sul sito della Stu Reggiane, dopo una richiesta di accesso agli atti avanzata dalla consigliera comunale del Movimento Cinque Stelle Alessandra Guatteri. Prima di dare un’occhiata agli importi più elevati per singolo appalto, una considerazione preliminare: Stu reggiane è sostanzialmente una società senza dipendenti. Recentemente si è svolta una gara per un contratto alla prima unità di personale assunta. Per lavorare quindi l’azienda ha la necessità fisiologica di fare riferimento a professionisti esterni. E’ più politicamente spinoso un altro dato: tutti gli incarichi sono ad affidamento diretto, procedura che risponde all’esigenza di rapidità con cui l’azienda deve arrivare all’obiettivo, ma forse non il massimo dal punto di vista della trasparenza.

L’importo più alto tra quelli messi a referto dalla Stu Reggiane per il 2017 è quello che viene riconosciuto all’ingegner Pier Luigi Cigarini, relativamente ad un incarico sul calcolo per il miglioramento sismico dei capannoni 17 e 18. Si tratta del prolungamento di un precedente contratto, affidato a maggio 2017, che si è concluso il 31 luglio: importo di 50mila euro. Ci sono poi due incarichi da 38mila euro, di natura molto diversa tra loro.

Il primo nella lista è l’incarico professionale di 12 mesi all’avvocato Paolo Coli, già consulente del comune di Reggio Emilia; il secondo è un incarico di 30 giorni allo studio associato T.En. per la redazione del progetto operativo di bonifica del suolo contaminato nell’area del capannone 15. Coli è beneficiario di due consulenze: i 38mila di cui abbiamo parlato, per il supporto legale alle gare d’appalto relative ai capannoni 17 e 18, si somma ad un altro da 35mila euro (sempre su 12 mesi) per il supporto legale ai contratti per gli spazi (immaginiamo vendita o affitto) dei due capannoni.

Altri cinque incarichi superano la soglia dei 30mila euro di importo: il 23 novembre 2017 è stato affidato un lavoro allo studio Officine Urbane per 35mila euro su 60 giorni di impegno. Si tratta di progettazione e direzione lavori per la manutenzione straordinaria di un edificio in via Gioia (ricordiamo che la Stu si occupa della riqualificazione anche di luoghi limitrofi alle ex Reggiane).

Il 22 dicembre scorso, invece, è stato affidato un incarico da 34mila euro per 120 giorni allo studio Technec, per lavori di armamento ferroviario su viale Ramazzini. Vale invece 33.472 euro l’incarico affidato all’ingegner Marco Poli per la verifica sismica, e relativa relazione tecnica, su alcuni immobili di via Gioia (durata dell’impegno: 60 giorni). Altri 34mila euro vanno all’ingegner Guido Tassoni per il servizio di coordinamento in materia di sicurezza relativo alla riqualificazione degli stessi capannoni di via Gioia. Infine c’è il contratto di assistenza economico-finanziaria al dottor Andrea Bellegati: 36mila euro per 12 mesi. Va detto che alcuni destinatari degli incarichi, pur se per importi minori, ricorrono più volte: lo studio T.En., ad esempio, ottiene cinque incarichi per una somma complessiva di circa 75mila euro.

Fra le consulenze, dal punto di vista mediatico e della comunicazione, c’è anche quella al giornalista Nicola Fangareggi, direttore di 24Emilia, che ha avuto un incarico per il servizio di comunicazione integrata relativo al progetto “Parco Innovazione” di 15mila euro per la durata di dodici mesi e l’incarico di 10mila euro a TR Media Srl per servizi da diffondere su Telereggio, Trc Modena, Trc Bologna.

Consulenti e collaborazioni 2015 

Consulenti e collaborazioni 2016 

Consulenti e collaborazioni 2017

Consulenti e collaborazioni 2018