Quantcast

Arena Campovolo, i Civici: “Su area ci sono abusi edilizi”

Secondo la Rubertelli se non vengono sanati il voto del Consiglio sull'opera rischia l'illegittimità. Continua la raccolta firme per la mozione popolare contro l'arena

Più informazioni su

REGGIO EMILIA – “Il permanere della situazione di abuso edilizio nell’area non operativa dell’aeroporto determina, allo stato attuale, una possibile illegittimita’ di ogni atto volto ad autorizzare le attivita’ previste, compresa la nuova arena spettacoli”. Lo sostiene la consigliera comunale di Reggio Emilia Cinzia Rubertelli (Alleanza civica) chiamata a breve ad approvare con i suoi colleghi in sala del Tricolore, la variante urbanistica per l’inizio dei lavori della maxi arena al Campovolo.

La civica ritorna in particolare sulla vicenda delle strutture ubicate nell’area, a servizio della festa provinciale del Pd che si svolge proprio all’aeroporto, spiegando: “Nelle scorse settimane l’Enac, sollecitata a tal proposito dal dirigente responsabile del procedimento sugli abusi edilizi accertati da oltre un anno e non ancora contestati ai responsabili, avrebbe risposto al Comune che ‘l’atto di consegna di beni immobili al concessionario aeroportuale non puo’ essere considerato di per se’ accertamento di conformita’ urbanistica, attivita’ quest’ultima di competenza degli enti teritoriali e locali”.

Cio’ significa, prosegue Rubertelli, “che spetterebbe al Comune (a differenza di quanto sostenuto dall’assessore all’Urbanistica) concedere le dovute e necessarie autorizzazioni urbanistiche ed edilizie per la realizzazione degli immobili che sono stati realizzati nell’area non operativa aeroportuale, nella quale non si svolgono attivita’ d’interesse pubblico istituzionale, ma privato”.

Per Rubertelli insomma non solo la mancata “sanatoria” delle strutture, ma soprattutto “il tergiversare del dirigente nel formalizzare la dovuta contestazione di abuso edilizio ai responsabili, tra cui il Pd e le sue societa’ di servizio, non trova peraltro nessuna giustificazione alla luce della risposta dell’Enac”. Salvo che, “valutazioni di natura esclusivamente politica e non tecnica abbiano quanto meno ritardato l’iter di contestazione previsto per legge”, conclude la consigliera.

La raccolta firme per la mozione popolare
Continua la raccolte firme a sostegno della mozione popolare al fine di portare all’attenzione del Consiglio Comunale il tema del maxi Arena spettacoli da 100mila posti al Campo Volo. La mozione ha già ottenuto le firme necessarie per essere iscritta all’ordine del giorno del consiglio comunale tanto che le prime 540 firme sono già state depositate presso l’Ufficio Di Presidenza del Consiglio Comunale al fine di procedere alla discussione il prima possibile e prima dell’avvio dei lavori. I banchetti che si andranno ad allestire fin dalle prossime ore sono dunque utili ad estendere il contro e la conoscenza che ancora non ha visto nessun coinvolgimento dei cittadini.

Domani, sabato 27 ottobre si potrà firmare nei seguenti luoghi: a partire dalle 10: piazza Fontanesi al banchetto del Movimento 5 Stelle, Via Farini, fronte biblioteca Panizzi, al banchetto del partito comunista italiano. Nel pomeriggio a partire dalle 16 i rappresentanti del comitato promotore saranno presenti all’interno del circolo arci Gardenia nel pomeriggio.

Più informazioni su