Francia, due arresti per l’omicidio di Fabio Bassoli

La polizia francese ha arrestato due franco-algerini accusandoli dell'omicidio del cuoco di Rolo avvenuto due anni fa nelle Ardenne

ROLO (Reggio Emilia) – La polizia francese ha arrestato due franco-algerini accusandoli dell’omicidio del cuoco di Rolo, Fabio Bassoli, ucciso ad Aubenas, paese di circa 13mila abitanti situato nel dipartimento dell’Ardèche nella regione dell’Alvernia-Rodano-Alpi in Francia, il due ottobre del 2015. Lo riporta “Reggionline” sul suo sito.

Il dna di uno dei due arrestati sarebbe stato trovato sul corpo del 31enne reggiano. Fabio Bassoli la notte del 2 ottobre 2015, aveva sorpreso due persone armeggiare intorno al suo furgone adibito a cucina con cui andava a lavorare. Il cuoco aveva reagito facendo a pugni con i due ladri. Ad uno di loro aveva rotto un ginocchio e aveva ferito al naso l’altro. I due malviventi, a quel punto, lo avevano colpito uccidendolo.

A dare una svolta alle indagini un’infermiera che era stata chiamata pochi giorni dopo l’omicidio in una casa a curare uno dei malviventi ferito al naso. La donna, che si era insospettita, aveva comunicato all’ospedale quanto avvenuto e aveva consegnato la provetta con il prelievo di sangue. Da qui si è scoperto che il dna, rinvenuto dal sangue del franco-algerino ferito al naso corrispondeva a quello che era stato trovato sulla salma di Fabio.

La polizia ha poi individuato il presunto omicida che tra l’altro era già nel data-base francese per altri precedenti penali. Il ladro in fuga è stato arrestato alcune settimane fa in Spagna dopo che per qualche tempo aveva trovato rifugio in Algeria. Il complice invece è stato tratto in arresto in Francia. Si sta cercando un terzo complice.