Fcr, Marchi: “Azienda modello e bilancio sano”

L'assessore al bilancio: "Se il M5S vuole tagliare la spesa sociale, allora lo dica"

Più informazioni su

REGGIO EMILIA – “Il bilancio di Fcr e’ non solo sano, ma ha parametri straordinari, tali da far si’ che sia anche oggi un’azienda modello, nella realta’ di Reggio Emilia e provincia, e non solo. Chi parla di profondo rosso non ha i fondamentali minimi per capirlo, il che e’ di per se’ bizzarro, considerando che da’ alle stampe comunicati”.

Lo afferma Daniele Marchi, assessore al Bilancio del Comune di Reggio Emilia, in replica alle accuse della consigliera 5 stelle Alessandra Guatteri. “Quello che pero’ la consigliera Guatteri scrive – prosegue Marchi – e’ ancor piu’ grave. La consigliera contesta il fatto che una controllata del Comune contribuisca per oltre 10 milioni di euro al sistema di welfare della citta’, risorse che provengono, lo ribadisco dagli utili di Fcr”.

Il punto, per l’assessore “e’ politico e il Movimento 5 Stelle deve esprimersi molto chiaramente”. Contribuire al welfare della citta’, sottolinea l’esponente della giunta, “significa investire risorse in servizi per anziani, minori senza famiglia, persone con disabilita’, sulle famiglie e sui portatori di fragilita’. Il Movimento 5 stelle preferirebbe che il Comune e le sue controllate si tenessero in cassa avanzi di bilancio lasciando queste persone in difficolta’?”. Se e’ cosi”, “lo dicano chiaramente e su questo siamo pronti a un confronto pubblico”.

Afferma quindi l’assessore: “Siamo orgogliosi come Comune della nostra impostazione, di poter essere vicini a chi soffre e fa fatica. Se la consigliera Guatteri e i grillini sono contrari e vogliono tagliare la spesa sociale ne prendiamo atto, ma questo di sicuro non ci fa cambiare idea”. Infine Marchi ricorda a tutti i cittadini “e in particolare ai militanti del M5S” che “i tavoli di lavoro di Reggio Emilia Citta’ Senza Barriere sono sempre aperti e pronti a raccogliere idee e proposte: sarebbe bello e importante avere anche il loro contributo”.

Più informazioni su