Parco Innovazione: nell’area ex Omi il futuro di Reggio

REGGIO EMILIA – Presentato il progetto del “Parco Innovazione”, una piattaforma logistica, tecnologica e di servizi in grado di potenziare la collaborazione tra imprese e ricerca industriale; si propone quale fulcro del nuovo modello di sviluppo economico reggiano, luogo fisico in cui si concentrano le competenze distintive del territorio, in grado di attrarre investimenti, essere incubatore per lo start-up e lo spin-off di nuove attività, produrre lavoro. L’intervento, una partnership pubblico-privata che genera un investimento di circa 28 milioni di euro, riguarda l’area ex Reggiane ma anche gli spazi pubblici di piazzale Europa e la riapertura e riqualificazione del braccio storico di viale Ramazzini.

Per realizzare questo obiettivo, che unisce memoria, presente e futuro, dopo la realizzazione del Tecnopolo, ora si è costituita la Società di trasformazione urbana Reggiane spa, sono state individuate le prime aziende e organizzazioni i cui laboratori di ricerca e sedi si insedieranno nei Capannoni 17 e 18, che le stesse aziende contribuiscono a riqualificare. I lavori nei Capannoni 17 e 18, a cominciare dalle operazioni di bonifica, sono  avviati.

Parco Innovazione

I ruderi delle ex Reggiane