Il sequestro dei beni dell’imprenditore Claudio Borelli

BAGNOLO IN PIANO (Reggio Emilia) – L’imprenditore metalmeccanico Claudio Borelli, 72 anni, per gli inquirenti è “un evasore fiscale socialmente pericoloso”.
La Finanza e la Polizia di Stato nelle scorse ore – su ordine del Tribunale di Reggio – lo hanno arrestato e hanno messo sotto sequestro tre unità abitative e relative pertinenze per un valore di circa 500mila euro; una moto e otto auto; l’azienda (3 capannoni industriali con relativi impianti, macchinari e prodotti); 2.400 armi da fuoco (valore per circa 1,5 milioni di euro); 169 pezzi tra orologi di pregio, anelli, collane e bracciali d’oro e il “saldo attivo presente nei vari conti correnti e depositi, per euro 1.425.142 e 3.100 dollari americani”.
Nel corso dell’operazione sono state scoperte armi da sparo e munizioni detenute illegalmente, così l’imprenditore è stato arrestato.

armi

Il sequestro di armi e denaro contante all'imprenditore metalmeccanico Claudio Borelli, 72 anni, di Bagnolo in Piano