Le notizie dal territorio

Informazione Pubblicitaria

Storia e funzionamento dell’aeroporto di Pescara

REGGIO EMILIA – La storia dell’aeroporto Internazionale d’Abruzzo di Pescara comincia lontano nel tempo, nel 1917, con la costruzione di una base di aviazione per motivi strategici e militari. Utilizzata con successo fin da subito, venne trasformata nel 1933 in un piccolo aeroporto con un volo unico che collegava la città abruzzese con Roma. Dopo la II Guerra Mondiale, l’aeroporto allarga le destinazioni fino a coprire tutta la costa adriatica includendo, come destinazione finale, la Sicilia.

Negli anni Cinquanta del secolo scorso iniziano le tratte di collegamento con il nord Italia e nel 1973 lo scalo è già talmente sviluppato da consentire i voli tra Pescara e Londra! Dal 1979, a causa di alcune riforme sui viaggi aerei e in seguito a causa del disastro di Ustica, i voli della compagnia ITAVIA vengono soppressi per sempre e l’aeroporto di Pescara, che ne usufruiva più di tutti, subì un drastico calo del traffico che lo ridusse a una piccola base di passaggio. Bisognerà aspettare il 1996 e il fenomeno dei voli low cost per vedere il rilancio dello scalo che oggi è diventato uno dei punti fondamentali del turismo per l’Adriatico.

L’aerporto di Pescara è intitolato a Pasquale Liberi e ha codice Iata: PSR. Serve annualmente un transito di 667.000 passeggeri, usufruendo di un terminal recentemente ingrandito e di una pista non lunghissima (2,4 km) ma a due testate distinte che consentono un facile traffico in arrivo e in partenza. I servizi del terminal sono tra i migliori di tutti gli aeroporti adriatici, con agevolazioni per i disabili, negozi, ristorazione e parcheggi economici. Se atterrate a Pescara potrete visitare la città, dato che il centro si trova solo a 6 km dal terminal. La città ha un centro storico seicentesco che si mescola con palazzi moderni e soprattutto un litorale tra i più belli d’Italia, famoso per le sue spiagge e il suo porto.

Le compagnie aeree
Le compagnie aeree che volano su Pescara sono la nostra di bandiera, Alitalia, Ryanair e decine di altri vettori low cost come Volotea, Wizz Air, Blue, Mistral Air. La tratta da e per Pescara favorisce molto gli spostamenti tra aeroporti minori di tutta Italia ma anche di alcuni Paesi europei e sebbene abbia subito un lieve calo negli ultimi cinque anni rimane frequentata.

Parcheggi all’aeroporto di Pescara
Nel 2018, il parcheggio dell’aeroporto di Pescara è stato eletto “più economico d’Italia”. Situato a cento metri dal terminal, sul lato opposto della strada, il parcheggio ufficiale dello scalo è sorvegliato sia da personale che da videocamere, può contenere fino a 500 auto e garantisce i primi 15 minuti gratis. La prima ora si paga 2 Euro, la seconda pure, dalla terza in poi il costo diminuisce di alcuni centesimi. Per lasciare la macchina un giorno si paga 10 Euro al giorno per le prime 48 ore, dopo di che 5 Euro al giorno. Possibilità di abbonamenti per mesi o annuali.

Il parcheggio usufruisce del servizio Car Valet per andare a prendere o accompagnare i viaggiatori che lasciano l’auto lontano e non hanno tempo di portarla al parcheggio a causa degli orari del volo. Tra i parcheggi privati nei dintorni immediati dell’aeroporto, segnaliamo Corona Parking: posti auto scoperti, sorveglianza, servizio Car Valet, 13 Euro l’ora (52 Euro per una settimana); oppure Cryptoparking Pescara, a cinque minuti dal terminal, offre posti auto anche al coperto con sorveglianza e molti servizi – autolavaggio, controllo meccanico, Car Valet. Il costo per un’ora di parcheggio è 8 Euro (44 Euro per tutta la settimana).

Autonoleggi e servizi
Il terminal di Pescara è molto grande, con spazi equamente suddivisi e pratici sia per Arrivi che per Partenze. Tra le due aree sorge una zona commerciale fornitissima con bar, due ristoranti e alcuni negozi. Possibilità di bancomat ma non di wi-fi interno. Ben attrezzato per il transito dei disabili, possiede anche alcune sale d’attesa attrezzate per gli incontri di lavoro o per le soste di chi deve utilizzare il computer.

Le ditte di autonoleggio sono presenti e numerose presso l’aeroporto “Internazionale d’Abruzzo” e per la precisione potrete usufruire di Leasys, Avis, Europcar, Budget, Hertz, Maggiore e Auto Europa. Per maggiori informazioni è possibile consultare la guida all’aeroporto di Pescara di Tuttoaeroporto.it.

Hotel e B&B nei pressi dell’aeroporto
La struttura turistica più vicina allo scalo, a meno di 200 metri dal terminal, è il residence Frontepista, adatto per chi deve sostare una sola notte in attesa di coincidenze o di ritardi, ma anche ottimo per chi deve risiedere a Pescara spendendo poco. Anche il B&B Casa Licina è vicinissimo e si raggiunge a piedi dal terminal. Con la navetta si può raggiungere facilmente il centro di Pescara con diverse soluzioni di alloggio per tutti.

Trasporti da e per l’aeroporto
Per arrivare all’aeroporto: per chi arriva da Roma, la strada da seguire è la A24 per poi immettersi nella A25 con uscita Chieti-Pescara. Dopo di che seguite l’asse attrezzato direzione aeroporto. Se si percorre la A14 Adriatica, l’uscita è Pescara Ovest-Chieti e quindi la Statale Tiburtina. La Statale 17 sarà la via per chi arriva dall’Aquila, seguitela fino a Bussi per poi immettervi sulla A25 uscendo a Chieti-Pescara.

Dall’aeroporto alla città: l’aeroporto è a due passi dal centro di Pescara e dunque ottimamente collegato con i bus dell’ARPA che hanno corse dirette sia con la stazione ferroviaria che con i punti centrali della città. Questa linea collega l’aeroporto anche a Chieti, con un servizio attivo dalle 5 del mattino alle 23:30 (biglietto a bordo). La navetta del servizio urbano diretta è il bus numero 38, ma il biglietto si compra in aeroporto alle apposite macchinette. Gli autobus sono naturalmente molto economici, ma se cercate la comodità assoluta per voi e i vostri bagagli è meglio prendere un taxi: Radio Taxi Pescara è la compagnia autorizzata, in azione 24 ore al giorno, con tariffe che variano a seconda della destinazione – comprese tra 20 Euro per il centro fino a 130 Euro per i lidi o le città della provincia più lontane.