Le notizie dal territorio

Informazione Pubblicitaria

L’esempio green di Iter e Vezzadini: quando un’app accelera il dinamismo sui mercati esteri

REGGIO EMILIA – Grandi capacità tecnica e desiderio costante d’innovazione sono i mantra aziendali di Vezzadini: realtà orgogliosamente italiana, leader da oltre sessant’anni nel campo del confezionamento di burro, margarina, caprino e robiola.
La testimonianza di Monica Annigoni, responsabile amministrazione, ci rivela come scommettere su sostenibilità e ambiente, costantemente supportati dall’innovazione tecnologica, porti ad una crescita virtuosa in competitività e qualità del lavoro.

La capacità di inventiva e la fantasia dell’azienda, caratteristiche deliziosamente italiane, sono infatti state in grado di proiettare la stessa nel panorama globale, dove l’affidabilità e la versatilità di prodotti tecnicamente avanzati, hanno valorizzato al massimo il marchio.

La costante ricerca di ottimizzazione degli apparati aziendali ha portato Vezzadini ad incrociare il raggio d’azione di una realtà reggiana dedita allo sviluppo di soluzioni software innovative e personalizzabili, dove l’innovazione tecnologica è in grado di svilupparsi anche attraverso servizi di app atte a supportare Pmi e grandi realtà: Iter.

Il nome vincente del sodalizio è quello dell’app, Scarlett, sviluppata dalla business unit Iter Idea: utilizzata per la reportistica dalla squadra di tecnici di Vezzadini, impegnati in Italia e all’estero, l’app ha permesso un netto miglioramento delle dinamiche aziendali.

Oltre ad avvantaggiarsi della digitalizzazione di modelli personalizzati, della pianificazione e supporto di gruppi di lavoro in modalità supervisore, della facilità nell’allegare schede tecniche e manuali costantemente aggiornati, Vezzadini ha potuto notare anche una notevole riduzione del proprio impatto ambientale, dovuto alla superfluità nell’utilizzo di copie cartacee degli interventi.

Il miglioramento non si ferma, il team è pronto a testare le possibilità offerta della piattaforma volte a migliorare la qualità del lavoro degli utenti all’estero come la nuova funzionalità Scarlett AI Translate, servizio che consentirà di ottenere traduzioni precise e ottimizzate con un completo dizionario tecnico, disponibile in oltre 50 lingue. Questo sfruttando le meravigliose opportunità offerte dal cloud e dai più potenti algoritmi di intelligenza artificiale e deep learning. I clienti all’estero saranno favoriti attraverso un’esperienza innovativa nel certificare gli interventi dei tecnici, ora comprensibili nella propria lingua preferita.

Scarlett si rivela quindi un investimento che, oltre a facilitare un dinamismo sui mercati esteri, è in grado di contribuire alla difesa delle risorse ambientali del nostro Paese. Arrivando a salvare un albero all’anno per ogni azienda utilizzatrice, l’app concorre alla salvaguardia della delicata bellezza del Belpaese. Questo cammino verso l’uscita dalla crisi post Covid-19 incrocia di fatto strade che parlano di una spinta all’efficienza, all’innovazione e alla bellezza, prestandosi come scelta coraggiosa e vincente di investimento in sostenibilità e competitività.