Le notizie dal territorio

Informazione Pubblicitaria

Internet del futuro e 5G: intervista con l’esperto Lukas Mollberg

REGGIO EMILIA – La tecnologia 5G dovrebbe rivoluzionare il mondo di internet e le potenzialità del web come le conosciamo, tuttavia, continuano le polemiche sull’implementazione. La popolazione è divisa tra quelli che ritengono che questo nuovo sistema di connessione sia veramente la rivoluzione e coloro che invece vedono un pericolo per la salute.

Per fare un po’ di chiarezza su come internet potrà beneficiare della tecnologia 5G abbiamo deciso di invitare per un’intervista Lukas Mollberg, esperto del settore digitale e fondatore di numerosi siti, tra cui Casinoble.

Lukas, la redazione ti da il benvenuto. Iniziamo subito a parlare di cosa significa la connessione 5G per i siti web e internet in generale. Cosa pensi che cambierà dopo l’implementazione?
Grazie a voi per avermi invitato. Il 5G è sicuramente un vantaggio enorme sia per gli utenti che desiderano usufruire dei servizi online, ma anche per gli sviluppatori che possono fornire funzionalità più potenti all’interno delle pagine web senza doversi preoccupare che una gran parte degli utenti non sia in grado di accedervi. Sapere che è disponibile un sistema di connessione stabile e veloce significa poter migliorare i siti in termini di grafica, contenuti e anche funzionalità che prima avrebbero causato dei rallentamenti eccessivi, influenzando in modo negativo l’esperienza d’uso degli utenti. Ciò che mi aspetto fin da subito è un miglioramento proprio in questo senso. Sicuramente, seguiranno poi altri utilizzi più specifici per questioni come guida autonoma, interventi chirurgici e altri ambiti di cui però non mi occupo.

In termini di sviluppo web, cosa dovranno fare i siti per sfruttare al massimo le potenzialità del 5G?
La base della nuova tecnologia è la maggiore velocità e ogni proprietario di un sito dovrebbe tenere conto del fatto che gli utenti abbiano accesso a questa potenza. In questo senso, per usufruire al massimo dei vantaggi portati dal nuovo sistema di connessione bisognerà disporre di server che siano in grado di rispondere a tante richieste veloci. Il fatto che l’utente possa navigare a una velocità superiore e che molti più utenti possano fare ciò contemporaneamente, deve essere supportato dai server su cui viene ospitato il sito, in modo da fornire delle prestazioni equiparabili. Occuparsi dell’hosting e testare come reagisce alla nuova connessione ultra veloce è quindi il primo passo per ogni sito. Non mi sorprenderebbe vedere alcuni siti bloccarsi o non riuscire a gestire le richieste perché inviate in modo troppo veloce o perché troppo numerose contemporaneamente. Coloro che dispongono di un server privato dovranno darsi da fare per configurarlo nel modo corretto. Invece, coloro che si affidano a server condiviso potrebbero non riuscire a offrire realmente un’esperienza migliore per gli utenti, motivo per cui dovrebbero valutare di migrare su un altro hosting più potente.

Un’ultima cosa, perché ritieni che molte persone siano contro questa tecnologia?
Il polverone generato da informazioni non certificate e fantomatici pericoli per la salute ha portato numerose persone a pensare che l’implementazione del 5G significhi mettere a rischio la popolazione, provocando malattie croniche a lungo termine e tanto altro. A parer mio è importante sempre seguire le disposizioni del governo e affidarsi solo a fonti ufficiali. Attualmente, non c’è motivo per preoccuparsi in relazione alla diffusione delle nuove antenne, come dimostrato anche da altri stati in cui la tecnologia è già pienamente funzionante. Esperti nel campo sanitario hanno confermato che la tecnologia è sicura sotto i 6 volt per metro come garantito dalla normativa italiana, per cui mi fido di queste disposizioni. Se ci fossero altri pericoli, le istituzioni avrebbero bloccato le installazioni.

Ringraziamo Lukas per questa intervista sul futuro di internet e 5G.