Le notizie dal territorio

Informazione Pubblicitaria

Imparare il bricolage da autodidatta? Ecco come fare

REGGIO EMILIA – Con il termine bricolage si intende un’attività manuale eseguita prevalentemente nel tempo libero e in maniera non professionale. Il tipo di attività che rientrano in questa sfera, fino a qualche anno fa, era legato soprattutto ai piccoli lavori di manutenzione e riparazione domestica, come la posa in opera di parquet e carta da parati, la tinteggiatura delle pareti e la posa in opera e manutenzione dell’impiantistica, e ai mestieri tradizionali come la falegnameria, la carpenteria i lavori in muratura, il giardinaggio, la confezione di capi abbigliamento in tessuto e la creazione artigianale di oggettistica e bigiotteria.

Tra le mansioni tipiche del bricolage c’è anche la cura e la manutenzione del proprio mezzo di trasporto e l’installazione e la manutenzione di impianti audio-video Hi-Fi; con l’avvento delle nuove tecnologie, inoltre, il concetto di fai da te si è ampliato ulteriormente allargandosi a lavori di tipo ingegneristico, con la realizzazione di apparecchiature elettroniche, robotiche e stampa 3D, e a quelli di tipo editoriale e artistico, con l’autoproduzione di libri e fumetti per esempio, o con la creazione di etichette musicali indipendenti.

Le nuove tecnologie stanno avendo un grande impatto anche sulle attività di bricolage più “canoniche”, come la falegnameria, in quanto sono sempre di più gli appassionati che fanno uso degli appositi software che permettono di trasformare gli elettroutensili in piccole macchine a controllo numerico computerizzato.

Vantaggi e svantaggi del bricolage
Diversi studi hanno dimostrato come il bricolage, a prescindere dalla tipologia di attività a cui ci si dedica, ha un notevole impatto sulla salute e sul benessere delle persone che lo praticano. Dedicarsi a un’attività manuale, soprattutto se gradita e senza il peso di dover rispettare degli standard o delle scadenze di lavoro, è di grande aiuto nel contrastare gli effetti nefasti dello stress quotidiano; inoltre incrementa la capacità di concentrazione e stimola la creatività.

Un ulteriore aspetto positivo del bricolage è l’impatto economico; dedicarsi ai piccoli lavori di manutenzione domestica, o della propria automobile, consente un netto risparmio sulle spese infatti, in alcuni anche molto sostanzioso.

Ovviamente bisogna fare attenzione al rovescio della medaglia, perché come ogni cosa anche il bricolage ha i suoi svantaggi. In questo caso ci riferiamo soprattutto alle attività che richiedono l’uso di sostanze chimiche, come solventi, vernici e colle, o di elettroutensili che producono grandi quantità di polveri, come le levigatrici e le smerigliatrici.

I potenziali rischi si possono trovare anche nelle altre attività connesse al bricolage, come dimostra ampiamente questo articolo di una nota testata giornalistica, quindi è bene affrontare i propri hobby con la consapevolezza di dover adottare le giuste misure per ridurre al minimo l’eventualità che si presentino.

Il giusto approccio al bricolage
Per molte persone il bricolage è una passione derivata, o comunque collegata, alle proprie esperienze di lavoro, come per esempio capita agli artigiani di professione. In questo caso si può godere del vantaggio dell’esperienza, sia nell’adoperare gli attrezzi e gli utensili sia nelle metodologie di lavoro e nelle precauzioni da adottare per ridurre al minimo i potenziali rischi connessi all’attività scelta.

Questo però non significa, che il bricolage sia un’attività esclusiva che è appannaggio delle sole persone dotate di esperienza; è possibile imparare a lavorare il legno, oppure a eseguire piccoli lavori di riparazione, anche senza previa esperienza a patto che si abbia la voglia e la pazienza di imparare.

Internet è uno strumento di grande aiuto in tal senso, e fornisce tutte le risorse per approcciarsi al bricolage da autodidatta; a parte i forum tematici e i siti dedicati alle diverse forme di fai da te, infatti, piattaforme come Youtube sono una vera miniera di tutorial video. Molti di questi riguardano in particolare gli utensili manuali e a motore, e insegnano come adoperarli e come mantenerli in buono stati; altri, invece, sono dedicati alle varie tecniche di lavorazione, a seconda del materiale scelto o dell’area di interesse.

Le attrezzature e i materiali
Lo stesso discorso vale per la conoscenza delle attrezzature e dei materiali da adoperare. Al giorno d’oggi anche gli appassionati di bricolage alle prime armi che non hanno la possibilità di rivolgersi a una persona che abbia esperienza nel campo, oppure i giovani interessati che, per mancanza di tempo o di denaro, non hanno la possibilità di frequentare un corso, grazie a internet possono avere libero accesso a uno dei numerosi siti online che si occupano in particolare degli strumenti di lavoro.

Questi ultimi offrono un servizio di guida, o una sorta di esperto utensili virtuale per così dire, illustrando le varie tipologie di apparecchiature in commercio, al tipo di lavoro che sono destinate a svolgere, le loro caratteristiche distintive, i pregi e i difetti; danno inoltre consigli sulle ditte più affidabili e aiutano i lettori a scegliere le attrezzature più adatte a seconda delle loro esigenze.