Le notizie dal territorio

Informazione Pubblicitaria

Gioco on line, primeggiano le slot machine in Italia

REGGIO EMILIA – Negli ultimi anni il gioco online ha subìto cambiamenti ed incrementi dovuti alla digitalizzazione e all’apertura dei mercati complementari ad esso, tra cui quello tecnologico riguardante smartphone e tablet. I giochi online di casinò, slot machine, Poker, Black Jack e simili hanno visto crescite impetuose che hanno attirato l’interesse di investitori e sviluppatori. Si tratta di un mercato globale con tassi di crescita interessanti e proficui.

Le slot online su smartphone e tablet
In questo quadro positivo per il gioco online hanno visto maggiori crescite quelli da casinò, con particolari flussi di ricavi per le slot machine. L’accesso facilitato ai casinò online è infatti consentito da un dispositivo come smartphone o tablet e da una connessione internet. I siti e le app hanno incrementato i livelli di esperienza utente e di fluidità della navigazione offrendo giochi sempre più accurati, bonus interessanti e offerte riservate che fanno gola ai nuovi entrati.

I dati a cavallo tra 2017 e 2018
Solo nel 2018 la spesa verso i casinò online è stata pari a 710 milioni di euro con un aumento rispetto all’anno precedente che si attesta a +24,7%. La spesa media del 2017, infatti, è stata pari a 569 milioni. In questo quadro si colloca il boom inaspettato delle slot online, uno dei giochi da casinò tradizionalmente più apprezzato anche in quelli reali. I dati del 2017, per esempio, mostrano come il 70% delle giocate online sui casinò virtuali sia stato destinato proprio alle slot. Il dato è interessante se confrontato anche con l’impennata delle app di gioco online, anche detto a distanza. La spesa effettuata sul mercato delle slot, sempre con riferimento al 2017 ha raggiunto la cifra di 350 milioni di euro. Essa costituisce la metà di tutta la spesa totale generata dal gioco sui casinò online.

Cosa cambierà con l’entrata in vigore del decreto Dignità?
Il mercato del gioco è uno dei più fortunati del nostro Paese, nonché fonte di reddito e di incassi erariali interessanti. L’aumento è costante e non sembra mai subire arresti nel tempo. Il Decreto Dignità inserirà, tuttavia, delle restrizioni pubblicitarie che limeranno il confine tra informazione, pubblicità, premi ed inserzioni su tutte le tipologie di piattaforme esistenti, da quelle online alla cartellonistica. Il Decreto vuole porre rimedio ai tassi di ludopatia generata dal gioco con limitazioni sulla pubblicità e con interventi mirati anche alle stesse slot fisiche che, entro il 2022 saranno sostituite da dispositivi che richiederanno l’inserimento della tessera sanitaria per l’attivazione.

I maggiori esperti del settore hanno evidenziato forti criticità di questo Decreto che favorirebbe il proliferare del gioco d’azzardo illegale. Essi sono dell’idea che la pubblicità aiuti le persone a orientarsi verso piattaforme sicure, controllate ed autorizzate. Il tutto si tradurrebbe anche con un alto tasso di rischio di frodi. Come saranno informati i cittadini in merito a questo aspetto? Il Decreto non sembra averlo previsto.