Le notizie dal territorio

Informazione Pubblicitaria

Bisport oltre lo sport: dalle aree gioco ai parchi inclusivi

Serena Manzini, co-titolare dell’azienda: “Tra le opere più interessanti da realizzare ci sono sicuramente i parchi inclusivi, vero e proprio simbolo di una presa di coscienza delle comunità della necessità di creare aree adatte a tutti, senza esclusioni”

REGGIO EMILIA – “Ogni prodotto che scegliamo ed installiamo è di altissima qualità, questo è fuori discussione” continua Serena “per questo dedichiamo molto tempo alla ricerca dei materiali giusti. Questo non toglie il fatto che realizzare queste installazioni è sempre un piacere”.

Ma Bisport non si ferma alla realizzazione: “La fase progettuale e quella esecutiva sono solo l’inizio del percorso. È infatti importante ricordarsi sempre che la manutenzione è obbligatoria per mantenere sicuri ed ordinati i parchi”.

Bisport, che dell’innovazione ha fatto un punto di forza, si dedica da tempo ad un settore sempre più in crescita: il parco inclusivo.

Conclude Serena: “Una delle ‘novità’ degli ultimi anni è sicuramente quella dei parchi inclusivi, ovvero aree gioco adatte anche a bambini con disabilità o con problemi motori. Questi progetti ci emozionano non poco: pensare di poter realizzare qualcosa che possono apprezzare davvero tutti i giovani, anche chi spesso si sente escluso, è bellissimo. Il fatto che la tendenza sia in crescita poi è sintomo di una reale presa di coscienza da parte delle comunità della necessità di strutture inclusive”.

Per maggiori informazioni potete visitare il sito di Bisport o seguire la pagina Facebook.

Articolo a cura di www.tgimprese.com