Silk-Faw, firmato il contratto di solidarietà

Accordo tra Fiom Cgil e azienda, orario ridotto dell'80%

REGGIO EMILIA – È stato stipulato stamattina un contratto di solidarietà per i dipendenti di Silk Sports Car (ex Silk Faw) tra la Fiom Cgil di Reggio Emilia e l’azienda sino-americana delle auto elettriche di lusso. A darne notizia è lo stesso sindacato con una nota stampa.

“L’accordo riguarda tutti i dipendenti (una sessantina, ndr) dell’azienda, in gran parte figure professionali elevate che hanno deciso di restare all’interno del progetto” della joint venture che aveva annunciato un anno e mezzo fa di approdare a Gavassa di Reggio Emilia con un maxi investimento e uno stabilimento produttivo. Il rogito per il terreno però non è mai stato perfezionato e i lavoratori nelle scorse settimane hanno denunciato la mancata retribuzione di quattro mensilità.

“Il contratto prevede una riduzione di orario media massima dell’80%, come previsto dalla normativa, per andare incontro alla riduzione di attività che l’azienda sta avendo in conseguenza delle note vicende finanziarie che la riguardano – continua la nota – L’azienda inoltre integrerà con una quota a proprio carico che coprirà buona parte della retribuzione dei lavoratori. Il sindacato, avendo considerato che alcune figure professionali si erano recentemente dimesse, ha proposto e condiviso con l’azienda il diritto alla riassunzione alle medesime condizioni”.

Infine, aggiungono Simone Vecchi, segretario Provinciale Fiom Cgil e Viola Malandra, funzionaria Fiom Cgil, “da parte dei lavoratori c’è stata soddisfazione rispetto all’accordo ottenuto e tutti auspicano che si risolvano presto i problemi esistenti e il progetto possa riprendere al più presto”. L’accordo prevede che tutte le ore lavorate, salvo eccezioni, potranno essere svolte in regime di smart working.