Caro energia, la Reggiana: costi alle stelle

Il presidente Salerno: "Insieme alla Lega pro chiedimo di poter usufruire degli interventi legislativi previsti e futuri che verranno definiti per affrontare questa vera e propria emergenza"

REGGIO EMILIA – L’AC Reggiana denuncia insieme alla Lega Pro la situazione di grave incremento dei costi di gestione dell’attività, che si è creata a causa dell’aumento dei prezzi dell’energia a livello globale.

“Come società appoggiamo l’appello del presidente della Lega Pro Francesco Ghirelli alle istituzione e lo rilanciamo anche sul nostro territorio – afferma il presidente granata Carmelo Salerno – perché l’aumento dei costi dell’energia impatta pesantemente sulle spese dell’attività quotidiana di tutti i rami del nostro club, rischiando di compromettere una condotta di gestione amministrativa rigorosa e oculata che in questi anni ha mantenuto in salute la Reggiana”.

I costi maggiori si riscontrano soprattutto nella gestione delle strutture sportive per gli allenamenti e nell’aumento delle bollette per i servizi delle stesse, oltre che nei costi generali del materiale di consumo che viene utilizzato per tutti gli aspetti dell’attività; anche il contratto di utilizzo del Mapei Stadium – Città del Tricolore, particolarmente oneroso per un club di Serie C, prevede aumenti di alcune voci di spesa in base all’incremento dei prezzi dell’energia. Questi fattori incidono inoltre sul piano finanziario dell’intervento di riqualificazione di via Agosti, in misura ancora da definire in base all’evoluzione del problema nei prossimi mesi.

“Insieme alla Lega Pro e agli altri club chiediamo di essere considerati una categoria produttiva a tutti gli effetti – continua il presidente Salerno – e di poter usufruire degli interventi legislativi previsti e futuri che verranno definiti per affrontare questa vera e propria emergenza. Ci rivolgiamo anche ai parlamentari reggiani per segnalare questa situazione, che tocca in prima persona tutti gli appassionati di calcio ed i sostenitori della maglia granata”.