Camera di commercio, 230mila euro per la riqualificazione della sede in chiave “green”

E' stato installato un impianto fotovoltaico e sono stati sostiuiti tutti gli apparecchi e le lampade

REGGIO EMILIA – E’ un intervento da oltre 230.000 euro quello messo in atto dalla Camera di Commercio e cofinanziato dalla Regione Emilia Romagna a favore del risparmio sul costo degli approvvigionamenti e dell’aumento dell’indipendenza energetica della sede di Piazza della Vittoria.

Il progetto di riqualificazione concluso ha comportato la sostituzione di tutti i corpi illuminanti del grande edificio collocato al civico 3 e l’installazione di pannelli fotovoltaici;  1.000 apparecchi e altrettante lampade con sistemi a led hanno preso il posto dei precedenti impianti e dei corpi illuminanti con tecnologia a fluorescenza e alogena.

L’intervento di relamping si è realizzato con la sostituzione integrale di ogni singolo apparecchio e non con la semplice sostituzione puntuale delle sorgenti luminose, per avere, così, garanzie e certezze rispetto alle prestazioni attese e alla rispondenza al quadro normativo, sia dal punto di vista della sicurezza elettrica che dei livelli di illuminazione minimi richiesti.

L’impianto fotovoltaico attivato nel giugno scorso, composto da 48 moduli di potenza nominale 400 w ciascuno per un totale di 19,2 kW, ha prodotto ad oggi oltre 8 MWh ed evitate 3200 kg di CO2.

“Il tutto – sottolinea il Commissario straordinario della Camera di Commercio, Stefano Landi – è partito dalla volontà di ridurre i consumi, i costi energetici e la dipendenza da fonti esterne, ma anche dall’obiettivo di generare un beneficio ambientale”.

“La diagnosi energetica della sede camerale – prosegue Landi – ha poi portato alle indicazioni necessarie per elaborare un piano di possibili investimenti in opere di riqualificazione finalizzate a produrre risparmi ed efficienze nei consumi dell’edificio e, contestualmente, a cogliere le opportunità offerte dal Bando approvato dalla Giunta della Regione Emilia Romagna (denominato POR FESR 2014-2020 Asse 4), consentendo di accedere ad un contributo superiore agli 84.000 euro”.