Le rubriche di Reggiosera.it - Interventi

“Bretella di Rivalta, indispensabile la variazione di bilancio per finanziare il secondo stralcio”

Il comitato locale: "Purtroppo dobbiamo rilevare che da qualche tempo il dialogo con l'amministrazione è diventato difficoltoso"

REGGIO EMILIASi accavallano voci discordanti sull’argomento Bretella di Rivalta, che se non altro hanno l’utilità di tenere in agenda una delle più “antiche” promesse elettorali ancora da realizzare. Dell’importanza di tenere alta l’attenzione su questo tema sa qualcosa il nostro Comitato, nato anni fa con una raccolta firme a favore della realizzazione della Bretella, che raccolse il sostegno di centinaia di rivaltesi.

Nella ridda di notizie contrastanti, non manca chi dichiara espressamente che la Bretella di Rivalta non si farà. Continuiamo a credere che questo rumor, malgrado i ripetuti rinvii dell’avvio dei lavori, sia destituito di fondamento: infatti le delibere sono state approvate, i passaggi amministrativi per la corretta realizzazione delle opere pure, i finanziamenti in gran parte ci sono, le gare sono state svolte. Questi sono fatti.

La Bretella di Rivalta non è però stata solo un impegno di questa Amministrazione Comunale. È stata anche la scelta di alcuni cittadini, come noi, che con metodo hanno interpretato il ruolo del Comitato come stimolo e critica continua sempre costruttiva, ma anche sempre cogente, verso gli amministratori locali. E’ stata anche il lavoro paziente e costante dei consiglieri comunali rivaltesi. Il nostro Comitato insomma ha spesso “rotto le scatole” per avere un dialogo diretto con la giunta comunale.

Purtroppo dobbiamo rilevare che da qualche tempo questo dialogo è diventato difficoltoso. L’assessore Tria ci aveva promesso una continua informazione sul procedimento e invece siamo venuti a sapere solo dai giornali e da “gossip” ricorrenti che le aziende appaltanti chiedono più soldi per le opere, che una di queste si è sfilata e che ci potrebbe essere il rischio che la realizzazione dell’opera sia assegnata ad un altro concorrente in gara, ammesso che un altro concorrente ci sia.

Non abbiamo certo la pretesa di avere queste informazioni in via esclusiva, anche se è vero che noi del Comitato per la Bretella “ci abbiamo messo la faccia”, dando fiducia alle promesse dell’Amministrazione Comunale. Gli uffici stampa servono anche a questo ed è proprio questo che ci aspettiamo dall’Amministrazione Comunale: una corretta e puntuale informazione, risposte ufficiali sulla situazione della Bretella, che, lo ricordiamo, sono due, quella ex Statale 63/via del Buracchione e quella via del Buracchione/Tangenziale SudEst.

Queste risposte, visto che le dichiarazioni estrapolate delle interviste lasciano il tempo che trovano, sarebbero assai utili a minimizzare i rischi di disinformazione e speculazione politica e, lasciatecelo dire, anche ad evitare l’effetto di “sparare sulla Croce Rossa” che si produce inevitabilmente ogni volta che si avanzino critiche o dubbi sul sofferto iter procedurale della Bretella di Rivalta.

Perciò rivolgiamo un ennesimo, pressante appello all’Amministrazione Comunale. A settembre è previsto un nuovo assestamento di bilancio del Comune di Reggio Emilia. Se in questo assestamento non sarà previsto lo stanziamento dei fondi destinati alla Provincia di Reggio Emilia che deve eseguire il secondo stralcio, cioè la realizzazione del tratto tra via del Buracchione e la tangenziale SudEst, l’utilità della opera complessiva sarà messa fortemente a rischio. La nostra insistenza su questo tema ci ha portato anche antipatie e ce ne porterà delle nuove, ma le mettiamo in conto perché il metodo che abbiamo adottato fin dall’inizio è quello dello stimolo insistente. Fino allo sfinimento.

Il Comitato per la Bretella di Rivalta