Amadei sprona la Reggiana: “Bisogna arrivare primi”

I giocatori in visita nella sede dell'Immergas. Il presidente onorario: "L’anno scorso alla fine ci è mancato qualcosina, speriamo che quest’anno non ci manchi niente"

Più informazioni su

BRESCELLO (Reggio Emilia) – Si è svolta ieri la tradizionale ed ormai consolidata visita di calciatori, tecnici e dirigenti della Reggiana alla sede del main sponsor Immergas, a Lentigione di Brescello. La delegazione granata ha raggiunto in mattinata lo stabilimento dell’azienda fondata nel 1964 dal presidente onorario Romano Amadei, che ha accolto personalmente gli ospiti e ha lanciato un messaggio di augurio a tutta la famiglia granata.

Sono molto attento a come si comportano le persone in campo – ha rivelato il patron granata – se tecnicamente mi possono dire che ci capisco poco, però guardo molto a quanto danno. L’anno scorso alla fine ci è mancato qualcosina, speriamo che quest’anno non ci manchi niente; bisognerebbe cercare di arrivare primi, ma ci sono anche gli altri; ce ne sono alcuni che certamente hanno potenzialità come noi, speriamo non maggiori. Delle volte vinci perchè sei più bravo degli altri, delle volte perchè ti va un po’ bene; non ho mai pensato di mollare perchè da sempre metto in conto che le cose possano anche andare male, e anche perchè è importante rispettare i miei soci”.

La filosofia e i successi conquistati dall’azienda nella storia (quasi sessantennale) del marchio leader nel mercato del riscaldamento e della climatizzazione domestica sono stati illustrati dal direttore marketing e comunicazione Ettore Bergamaschi.

Quella della visita di oggi è stata una bellissima giornata – ha dichiarato il rappresentante dell’azienda main sponsor granata – Abbiamo confermato il legame che c’è tra Immergas e a Reggiana, che va oltre una semplice sponsorizzazione di maglia, e parte da lontano perchè Immergas ha sempre supportato lo sport del suo territorio. Ci fa sempre piacere far visitare la nostra azienda dai giocatori della Reggiana perchè così possono toccare con mano quelli che sono i valori dell’azienda, nella speranza che gli resti qualcosa in testa e che quando andranno in giro per l’Italia portando sul loro petto il nome Immergas sappiano l’importanza di questo marchio”.

Infatti, come da tradizione, i componenti della squadra granata hanno visitato gli stabilimenti produttivi dell’azienda, dove le donne e gli uomini di Immergas sono dediti ogni giorno alla realizzazione dei prodotti e dei servizi che garantiscono i risultati e l’affidabilità del brand.

In rappresentanza della Reggiana sono intervenuti il ds Roberto Goretti e l’allenatore Aimo Diana, oltre al presidente Carmelo Salerno che ha affermato: Ringrazio l’Immergas e ringrazio Romano Amadei. Prendo sempre da lui l’esempio di 60 anni di attività imprenditoriale e di 40 anni nel calcio, sperando che i valori e la mentalità con cui tutti i giorni quest’azienda porta avanti il lavoro possa essere di ispirazione per i nostri calciatori che ogni giorno scendono in campo per allenarsi, così come per tutte le persone che lavorano per portare avanti la società e il mondo che ruota attorno alla maglia granata”.

A conclusione dell’iniziativa, dopo la visita al Museo Immergas e l’immancabile foto di gruppo, è tornato il momento conviviale del pranzo nel Caius Restaurant, che mancava da due anni a causa delle normative legate alla pandemia da Covid 19. Un brindisi collettivo di augurio per la stagione sportiva appena cominciata ha concluso l’evento granata, portando capitan Rozzio e compagni a ripartire per il centro sportivo di Cavazzoli, dove nel pomeriggio si è svolta la seduta di allenamento agli ordini di mister Diana e del suo staff.

Più informazioni su