Elezioni, Fdi: Vinci, Rigon e Aragona i candidati reggiani

Le liste in Regione Emilia-Romagna del partito di Giorgia Meloni

REGGIO EMILIA – Anche Fdi è pronta a correre in Emilia-Romagna per le elezioni politiche del 25 settembre. Alla chiusura delle liste, i nomi che saranno schierati negli uninominali del Senato sono quelli di Alberto Balboni (Ferrara-Ravenna) e Marta Farolfi (Forlì-Rimini). Per gli uninominali della Camera, invece, il partito di Giorgia Meloni sarà rappresentato da Tommaso Foti (Piacenza), Roberta Rigon (Reggio Emilia), Daniela Dondi (Modena), Dalila Ansalone (Bologna), Mauro Malaguti (Ferrara) e Alice Buonguerrieri (Ravenna).

Passando al proporzionale della Camera, Foti sarà capolista nel collegio di Piacenza, Parma e Reggio Emilia seguito da Ylenia Lucaselli, Gianluca Vinci e Gaetana Russo. Galeazzo Bignami guida il listino a Bologna-Modena e dietro di lui correranno Lucaselli, Vinci e Beatriz Colombo. Foti capolista anche nel colleggio che comprende Ferrara, Ravenna, Forlì-Cesena e Rimini; seguono Lucaselli, Vinci e Buonguerrieri. P

Per quanto riguarda il proporzionale del Senato, Elena Leonardi sarà capolista nel collegio di Piacenza, Parma, Reggio Emilia e Modena seguita da Michele Barcaiuolo, Ella Bucalo e Alessandro Aragona. Nel collegio di Bologna, Ferrara, Ravenna, Forlì-Cesena e Rimini il primo posto va a Balboni seguito da Farolfi, Marco Lisei e Domenica Spinelli. Giochi chiusi anche per le candidature nei plurinominali di Fi. Alla Camera, nel collegio “01” capolista Pietro Vignali seguito da Marica Sarati, Gianluca Argelati e Isabella Martini. Nel collegio “02” correranno Valentino Valentini, Annamaria Cesari, Piergiulio Giacobazzi e Costanza Maria Bendinelli. Nel collegio “03” spazio a Rosaria Tassinari, Matteo Fornasini, Eleonora Zanolli e Gianluca Vincenzi.

Al Senato, invece, nel collegio “01” Fi schiera Antonio Barboni seguito da Laura Schianchi, Claudio Bassi e Paola Pizzelli. Nel collegio “02”, infine, correrà Anna Maria Bernini davanti a Enrico Aimi, Elena Vannoni e Angelo Scavone. In casa Lega, resta fuori il parlamentare uscente Carlo Piastra. “Ripartirò dai territori”, afferma il leghista in una nota: “L’esperienza parlamentare che ho avuto modo di vivere, durante questi quattro anni e mezzo è stata importante, formativa e sarà un riferimento imprescindibile per i prossimi impegni”, scrive Piastra: “La Lega nasce sui territori e qui mi concentrerò, dopo una bellissima esperienza parlamentare per la quale ringrazio tutti, a cominciare dagli elettori”.

La parlamentare uscente Simona Vietina, invece, correrà come capolista al Senato nel collegio emiliano per Noi moderati con l’obiettivo di “difendere i valori moderati, cattolici, atlantisti, europeisti, riappassionare i tanti elettori che cercano una forza moderata a cui fare riferimento”, afferma Vietina in una nota. Per il M5s, infine, Stefania Ascari non correrà solo come capolista nel proporzionale della Camera a Bologna-Modena ma anche nell’uninominale di Modena, “mentre per Carpi il nome sarebbe quello di Mattia Veronesi, farmacista, consigliere comunale a Finale e presidente del Consiglio dell’Unione area nord”, spiega una nota diffusa dalla stessa Ascari. “Un onore e un orgoglio”, afferma la pentastellata. “La mia priorità era e sarà’ sempre la tutela dei diritti dei cittadini, in particolare delle fasce più vulnerabili”, conclude Ascari: Porteremo avanti il nostro lavoro senza lasciare indietro nessuno. I cittadini devono ritrovare fiducia nella politica”.