Campovolo, torna “La Festa” del Pd dopo cinque anni foto

Il segretario provinciale del Pd, Massimo Gazza: "Possiamo ridurre il milione di indebitamento pregresso solo se facciamo questo tipo di attività"

Più informazioni su

REGGIO EMILIA – Dodici serate di spettacoli dal 24 agosto al 4 settembre. Oltre 300 i volontari al lavoro, attese complessivamente 100mila presenze su una superficie di 50mila metri quadrati: cinque ristoranti con 1.500 posti a sedere, due bar e sei serate di liscio. Poi una libreria, i food truck, i bar e le gelaterie gestite dai privati. Sono i numeri de “La Festa” del Pd che, dopo cinque anni, si terrà alla Iren Green Park Arena, nell’area del campovolo che precede la mega arena spettacoli.

La Festa è stata presentata questa mattina dal segretario del Pd, Massimo Gazza, insieme al vicesegretario Emanuele Cavallaro e alla presidente dell’assemblea provinciale del Pd, Roberta Mori. Era presente anche Ilenia Malavasi, candidata all’uninominale della Camera per i Dem.

La festa avrà due parcheggi: uno da 1.500 posti in via dell’Aeronautica e uno da 1.500 posti in via del Chionso che dovrebbero essere sufficienti ad accogliere le circa tremila persone attese ogni sera. La gestione degli spettacoli sarà dell’associazione culturale Terre Matildiche, del Fuori Orario e dei ragazzi di Temporock.

Enrico Letta, segretario nazionale del Pd, arriverà il 3 settembre, ma anche prima non mancheranno le occasioni per confrontarsi, con candidate e candidate del Pd e con personalità della società civile, su una gamma vastissima di temi che stanno a cuore ai Dem: scuola, lavoro, diritti, pace, ambiente, sanità e sport.

Stefano Bonaccini, Nicola Zingaretti, i candidati reggiani Graziano Delrio, Ilenia Malavasi, Andrea Rossi e Lanfranco De Franco, tra i volti che si alterneranno insieme ai parlamentari uscenti, i sindaci, i consiglieri regionali, all’interno dello spazio dibattiti dedicato dal Pd reggiano a David Sassoli, ex presidente dell’europarlamento scomparso nei mesi scorsi.

Ha detto il segretario Massimo Gazza: “Il programma, che come sempre potrebbe subire piccole variazioni in corso d’opera, in particolare se si venissero a creare delle opportunità interessanti, rappresenta il cuore di una grande comunità politica viva e attiva, che aveva il desiderio di ritrovarsi in quel luogo cardine per la nostra storia, per riconoscersi e riconnettersi con un territorio che è orgogliosa di rappresentare in molte sedi istituzionali e amministrative”.

Conclude Gazza: “Occorre ringraziare anzitutto il team guidato da Daniele Caminati e Villiam Orlandini, perché non saremmo mai arrivati a questo punto se non avessimo avuto la disponibilità dei nostri straordinari volontari a cui La Festa è mancata tantissimo. Un grazie anche a tutti i circoli del territorio per la disponibilità al servizio, una disponibilità che fa parte del nostro Dna democratico”.

Il programma completo è su www.ilprogrammadellafesta.it.

 

 

Più informazioni su