Le rubriche di Reggiosera.it - Interventi

“Un Patto Repubblicano per seguire il percorso di Draghi”

Il segretario di Azione, Marco Cassinadri: "Abbiamo apprezzato l’invito pervenutoci nei giorni scorsi dal presidente dell’Associazione “Crea-LiberaMente” Claudio Guidetti

REGGIO EMILIACon la conferenza stampa congiunta di lunedì scorso di Carlo Calenda ed Emma Bonino, Azione e +Europa hanno esplicitato in maniera forte il loro Patto Repubblicano per fare proseguire l’Italia lungo il percorso intrapreso da Mario Draghi e far uscire il nostro paese dalla morsa deleteria del bi populismo.

Un patto in cui è chiaramente indicato il posizionamento internazionale dell’Italia e dove vengono evidenziate le nostre proposte in vari ambiti, anche quelli più problematici; dalle politiche di bilancio, alle infrastrutture, all’energia e all’ambiente, fino a toccare il fisco, i diritti di cittadinanza ed immigrazione e la giustizia.

Abbiamo apprezzato l’invito pervenutoci nei giorni scorsi dal presidente dell’Associazione “Crea-LiberaMente” Claudio Guidetti. Condividiamo le preoccupazioni che avevamo già sottoscritto nei giorni precedenti alle dimissioni del presidente Draghi e confermiamo che l’assunzione di responsabilità da parte nostra è una priorità.

Di recente abbiamo rimproverato alla sinistra il difetto della “cortomiranza”, ossia la vista di mira breve, per cui si crede di poter vincere e amministrare con chiunque; una “strategia” che non paga e soprattutto non crea valore.

A Reggio Emilia siamo disponibili a lavorare con tutte le forze politiche, liste civiche e associazioni comprese, che credono e lavorino affinché “l’agenda Draghi” sia un valore, che credono nell’aumento – e non nella compressione – degli spazi democratici; che non perdano il contatto con i cittadini, che credono nella selezione della classe dirigente (da qui la proposta di reintrodurre il cursus honorum per i membri del governo) ma soprattutto che siano convinte che i diritti devono sempre essere accompagnati a dei doveri.

Il segretario di Azione, Marco Cassinadri