Silk Faw, la Fiorini (Lega): “Servono fatti e garanzie”

La deputata del Carroccio: "Vigileremo per tutelare il know how della motor valley"

REGGIO EMILIA – Sullo stabilimento Silk-Faw a Gavassa di Reggio Emilia “servono garanzie, servono i fatti. Non si può cantare vittoria su intenzioni che ad oggi sono rimaste solo parole”. Lo dice la deputata reggiana Benedetta Fiorini, esponente della Lega che, dopo l’incontro tra la joint venture sino americana e Regione e Comune di Reggio di lunedì, commenta: “Dalle fanfare di qualche tempo fa siamo passati ad una preoccupata prudenza. È questo che non va bene nell’atteggiamento del sindaco Vecchi, che ancora non è un grado di dirci se questo stabilimento promesso diventerà realtà”.

Per quanto riguarda il rogito per il terreno su cui sorgerà lo stabilimento di produzione delle supercar elettriche, annunciato per il prossimo 5 agosto, Fiorini avvisa: “In una fase così difficile non sono ammessi passi falsi né false illusioni.
Noi vigileremo affinché le parole diventino fatti senza abbassare la guardia perché anche la tutela del nostro prezioso know-how sia sempre garantita”. La “Motor valley e i nostri lavoratori specializzati sono un bene prezioso. Va tutelato ad ogni costo”, conclude la parlamentare.