Sala del Tricolore, via libera alla variazione di Bilancio, ma l’opposizione non partecipa al voto

Protesta dei consiglieri di minoranza che avevano chiesto un rinvio per esaminare le carte: “Documentazione in ritardo, preoccupati per la deriva antidemocratica”

REGGIO EMILIA – Via libera in Sala del Tricolore alla variazione di Bilancio, per protesta l’opposizione esce dall’aula al momento del voto, ad eccezione del consigliere dei 5 Stelle Gianni Bertucci che esprime voto contrario.

Già prima dell’inizio dei lavori, i consiglieri di minoranza avevano annunciato la non partecipazione alla discussione ed alla votazione “per denunciare all’opinione pubblica l’inaccettabile ritardo con cui la documentazione relativa è giunta ai consiglieri ed alla commissione. Un argomento così complesso avrebbe meritato tempi adeguati di approfondimento e studio”, ma, avevano detto i gruppi consiliari di opposizione, “a nulla sono valse le richieste di posticipare la calendarizzazione almeno di una settimana, visto che le scadenze di legge lo avrebbero ampiamente permesso. Si è trattato però solo dell’ennesimo sfregio istituzionale che non siamo più disposti a tollerare”.

Da qui la scelta di non partecipare alla discussione e al voto, “consapevoli che questa dichiarazione rappresenta un atto irrituale”, ma è anche “l’unico modo che abbiamo per denunciare l’inaccettabile arroganza e deriva antidemocratica di questa maggioranza e di questa giunta consiliare”. E’ quanto si legge in un documento firmato da Lega, Fratelli d’Italia, Coalizione civica, Forza Italia, Alleanza civica e da Paola Soragni del Movimento 5 stelle. “Chi ha sottoscritto questo documento – spiegano – vuole stigmatizzare con forza la scelta della maggioranza di procedere con pervicace ostinazione ed arroganza a questa discussione delle delibere di bilancio di assestamento, non riconoscendo alle opposizioni il tempo necessario di studio, valutazione ed approfondimento”.