L’omaggio dei giovani artisti ad Alberto Manotti, il Re del Po recentemente scomparso

Un Re dalla corona di legno e con dalle mani di legno, un Re che era fiume. Sempre lì a costruire la sua Jolanda e a parlare all'acqua e a chi, come noi, lo andava a trovare

Più informazioni su

REGGIO EMILIARiceviamo e volentieri pubblichiamo un omaggio a Alberto Manotti, il re del Po recentemente scomparso, da parte di alcuni giovani artisti.

Al Re del Po

Caro Alberto

dalle mani di legno

dal cuore di fiume

raccontavi di boomerang

di velocità della luce

di maledizioni di navi

tu giustiziere

dalla tua Jolanda

salvavi noi uomini

dalla nostra fine

Sei palo

sei chiodo

ti rivolgi ai bambini e

a chi sogna e a chi immagina

sei e sarai sempre

Re

per sempre del Po

Scrivo queste righe con immensa gratitudine.

“Tu non sai chi sono io”, e diceva: “io sono il Re del Po”. Ripeteva: “Tu non sai chi sono io” e allora io “Tu sei il Re del Po”, e così iniziava. Così noi tutti lo ascoltavamo. Un Re dalla corona di legno e con dalle mani di legno, un Re che era fiume. Sempre lì a costruire la sua Jolanda e a parlare all’acqua e a chi, come noi, lo andava a trovare.

“Sono maestro d’ascia”, raccontava, e intanto con la mazzetta batteva chiodi rigorosamente d’acciaio nei tronchi portati dal fiume. Ascoltava la piene e le secche, il fango e la sabbia, scriveva con pioppi e fronde: l’immaginazione reinventava un fiume che già c’era ma ancora non esisteva. Un fiume di cui così ci s’innamora, la cui presenza è un dono, e come ogni dono va restituito agli altri. Chiunque andasse a trovarlo se ne andava infatti con un regalo, uno di quei chiodi che lui diceva avrebbe allontanato sfortuna e guai.

È un mondo, questo del Re, che sprigiona fantasia in chiunque nello stesso modo in cui l’acqua ti bagna, quando ci si immerge o quando piove: tocca ognuno in ogni parte. Una magica presenza da cui scaturiscono immagini e rituali, azioni uniche con una forza profonda, e per questo la sua pratica è rivolta soprattutto ai bambini a cui era affezionatissimo, che per primi ne riconoscono la potenza e la suggestione, che per primi ne colgono la fantasia.

Un Re che nel suo lungo operare ha dato forma a un luogo dove sentirsi liberi. Uomo libero Alberto, il Re del Po. Grazie.

Luca, Giulio, Roberto, Piergiorgio, Edoardo, Edoardo.

Più informazioni su