L’elicottero scomparso si è schiantato sul Cusna: trovati 7 cadaveri

E' precipitato nel greto di un torrente: si cercano gli altri due passeggeri che potrebbero essere sotto i resti del mezzo

VILLA MINOZZO (Reggio Emilia) – Un escursionista ha segnalato questa mattina i resti dell’elicottero disperso da giovedì scorso che si è schiantato, a quanto si apprende ora, sulle cime del Cusna. Dopo questa segnalazione è stato un elicottero del 15° Stormo dell’aeronautica ad individuare dall’alto alcuni alberi bruciati (nella foto il luogo dell’impatto).

I soccorritori, arrivati sul posto, hanno individuato, subito, nella zona dell’impatto, cinque cadaveri carbonizzati: poi hanno trovato anche gli altri due che erano ancora a bordo del velivolo. L’area dove è caduto è nel greto di un torrente, il Lama, al passo degli scaloni a 1.922 metri, tra il rifugio Battisti e Segheria.

L’elicottero era decollato giovedì mattina dall’aeroporto di Capannori Tassignano (Lucca) ed era diretto nel Trevigiano. Sul mezzo, noleggiato dalla ditta reggiana Elettric80, c’erano in totale sette persone. Il pilota, veneto, Corrado Levorin, e sei passeggeri, quattro manager turchi e due libanesi: Kenar Serhat, Cez Arif, Ilker Ucak, Erbilaltug Bulent, Chadi Kreidy e Tarek El Tayak.

Sul posto, per recuperare i corpi, si stanno recando squadre da terra e anche un elicottero per calare personale. Sul luogo dell’impatto ci sono tutte le forze che hanno partecipato alle operazioni: l’Aeronautica militare, il Soccorso alpino, la Guardia di finanza, i carabinieri di Castelnuovo Monti. L’area è stata posta sotto sequestro.

Ha detto il pilota dell’aeronautica militare che ha avvistato i resti dell’elicottero dall’alto: “Abbiamo avuto delle coordinate e siamo andati sul posto. Abbiamo trovato tutto bruciato. L’elicottero è all’interno di una valle nel greto di un ruscello. La zona è difficile da raggiungere con il verricello. Bisogna arrivarci a piedi”.

Sarà il Pm Marco Marano della Procura di Reggio Emilia a coordinare le indagini dato che l’elicottero è caduto sul monte Cusna. Le ipotesi di reato sono quelli di omicidio e disastro colposo. Anche l’Agenzia nazionale per la sicurezza del volo ha aperto un’inchiesta di sicurezza e disposto l’invio di un proprio investigatore sul luogo dell’incidente.