Quantcast

Flash Battery, i dipendenti puliscono le strade puliscono le strade di S. Ilario

REGGIO EMILIA – Già stabilmente impegnata su una produzione (batterie al litio) finalizzata all’uso l’uso di fonti energetiche rinnovabili e a ridurre gli impatti ambientali di quelle fossili, Flash Battery preme ancora l’acceleratore sulla sostenibilità dei processi produttivi interni. L’azienda di Sant’Ilario d’Enza (che ha eliminato completamente la plastica negli imballaggi dei prodotti e negli uffici e dispone di un impianto fotovoltaico che ne assicura la pressochè totale autonomia energetica) ha infatti ottenuto la certificazione DNV del proprio sistema di gestione ambientale secondo la norma ISO14001.

“Un risultato importante – sottolinea Marco Righi, CEO di Flash Battery, che lo scorso anno ha realizzato un fatturato di 17,3 milioni, con un incremento del 25% e una contemporanea crescita dell’occupazione del 16% – ottenuto grazie all’ulteriore implementazione del nostro sistema, che fa leva sulla riduzione dei rifiuti e del consumo di energia”.

Un sistema in cui, tra l’altro, spiccano gli impegni per lo studio continuo del ciclo di vita dei prodotti per valutarne gli impatti ambientali diretti e indiretti, il contributo al risparmio di energia e alla conservazione delle risorse sia attraverso la ricerca e l’innovazione sui prodotti che sui processi e, ancora, una formazione del personale orientata a questi obiettivi, con l’incoraggiamento a mettere in pratica ogni iniziativa finalizzata alla riduzione dei consumi sia nei luoghi di lavoro che nella vita privata.

Non a caso, dunque, anche l’ottenimento della certificazione ISO1400 è stato anch’esso celebrato all’insegna della tutela ambientale. Sabato 18 giugno, infatti, la gran parte dei dipendenti dell’azienda (in totale sono 65) è stata impegnata sulle strade sulle strade di Sant’Ilario d’Enza prossime all’azienda in una raccolta straordinaria dei rifiuti abbandonati.

L’iniziativa, patrocinata dal Comune di Sant’Ilario, “ha rappresentato – sottolinea Righi – un segno di prossimità alla comunità locale e al territorio, sul quale insistono arterie importanti che sono costantemente esposte al rischio di degrado a causa dell’irresponsabilità di chi transita in questi luoghi”.

“Contemporaneamente – conclude il CEO di Flash Battery – con questa iniziativa siamo andati a rafforzare anche quelle consapevolezze interne che già hanno preso corpo in specifiche linee-guida per la gestione di ogni tipologia di rifiuto”.