Campegine torna al centrosinistra: Spanò è sindaco per 16 voti

Il 33enne segretario dell'Anpi ha battuto il sindaco uscente Giuseppe Artioli per un'incollatura

CAMPEGINE (Reggio Emilia) – Il centrosinistra ha riconquistato Campegine. Alessandro Spanò, candidato di “Insieme per Campegine” è sindaco per un’incollatura: 1.087 voti per lui (50,37%), contro i 1.071 (49,63%) dello sfidante Giuseppe Artioli, sindaco uscente candidato di “Rinascita Campeginese”. Vanno otto seggi in consiglio comunale a “Insieme per Campegine” e 4 a “Rinascita Campeginese”.

Gli elettori sono stati 3.962. I votanti: 2.219 (56,01%). Schede nulle: 41 Schede bianche: 20 Schede contestate: 0. Alessandro Spanò, 34 anni, è laureato in Scienze della comunicazione e da 8 anni lavora in prefettura a Reggio. È segretario dell’Anpi di Campegine. Giuseppe Germano Artioli, classe 1957, avvocato, è stato segretario del Psi provinciale.

Affluenza
L’affluenza alle elezioni per eleggere il nuovo sindaco e il nuovo consiglio comunale è stata del 18,9% alle 12 e del 40.36% alle 19 (il dato di cinque anni fa era del 44,69%). Alle 23 è stata del 56,01% (59,36% cinque anni fa).