Quantcast

Toano, l’anziano nel pozzo trovato grazie al fiuto di Bayla

Il cane, arrivato da Bologna, ha indicato più volte dove si trovava il corpo di Giuseppe Pedrazzini

Più informazioni su

TOANO (Reggio Emilia) – Per l’individuazione del cadavere del 77enne di Toano (Giuseppe Pedrazzini, ritrovato deceduto in fondo ad un pozzo) è stato determinante il contributo del cane Bayla del nucleo Carabinieri cinofili di Bologna. Alla notizia della sparizione dell’anziano, e dopo i primi accertamenti dei Carabinieri di Reggio Emilia e Castelnovo né Monti che avevano messo in luce una serie di “incoerenze non compatibili con un semplice allontanamento volontario”, è stato attivato il Nucleo cinofili di Bologna. E così Bayla, appena giunta sul posto, dopo pochi istanti ha fiutato una traccia che l’ha condotta al pozzo.

Più volte è stato fatta ripetere l’indicazione al cane, il che ha indotto i carabinieri a rimuovere la botola della cavità e a fare la macabra scoperta. Tra i vari impieghi cinofili nell’Arma dei Carabinieri c’è anche l’unità per la ricerca di sangue e cadaveri. Il primo corso svoltosi nel 2012, in collaborazione presso la scuola di formazione cinofile della Polizia Tedesca di Giesen, nella Bassa Sassonia, ha portato a formare la prima “unità operativa”, un cane tedesco di nome Askan con il suo conduttore Brigadiere Marco Muglia. Durante il servizio di Askan si è aggiunto Simba e dall’ottobre del 2020 anche Bayla.

Le unità cinofile tre volte all’anno si sottopongono ad aggiornamenti e riqualificazioni presso l’ente tedesco di Polizia in Germania. Questi cani, unici qualificati per l’Arma dei Carabinieri nella ricerca di cadaveri, ‘vivono’ nella sede a Bologna e per il loro impiego operativo dipendono dalla Sala Operativa del Comando Generale dei Carabinieri di Roma se chiamati ad intervenire al di fuori dell’Emilia Romagna.

Più informazioni su