Riapre dopo 80 anni il viale storico delle ex Reggiane

Dopo un intervento di 3,3 milioni, sarà transitabile da domenica e collegherà a viale dell'Aeronautica il quartiere di Santa Croce

REGGIO EMILIA – Un pezzo di Reggio Emilia che risorge dopo quasi un secolo. E’ il tratto di viale Ramazzini interno alle ex Officine Reggiane che, a servizio della fabbrica (di cui ora prenderà anche il nome), è rimasto in disuso dal 1940. La strada, dopo un intervento di riqualificazione da 3,3 milioni con fondi pubblici, domenica sarà riaperta e collegata nuovamente con la città, sboccando da una parte di fronte al centro per l’Infanzia Malaguzzi e affacciandosi dall’altra sul Campovolo e la nuova arena della musica. Il viale, lungo circa 500 metri, rivitalizzerà anche i collegamenti con il quartiere Santa Croce – 10.000 residenti – e sarà transitabile da domenica.

Sabato invece si svolgerà nell’aera la grande festa di fine lavori (rinviata da fine aprile) per il nuovo piazzale Europa, antistante il tecnopolo reggiano, con lo skate park e i campi da basket. E’ di solo pochi giorni fa, infine, la firma dell’accordo di programma tra vari enti reggiani per candidare ad un bando del Pnrr il progetto che dovrebbe trasformare la palazzina degli uffici delle Reggiane in uno studentato universitario, per gli iscritti ai corsi di laurea digitale che frequenteranno le lezioni nel capannone 15 dell’area industriale.

Oggi, all’inaugurazione simbolica di viale Ramazzini, il sindaco Luca Vecchi sottolinea: “Non ci limitiamo ad aprire una strada chiusa da tempo, ma credo che questo intervento rappresenti uno spartiacque tra il prima e il dopo nella storia di rigenerazione di quest’area, afflitta in passato da insicurezza e degrado”.

L’assessore all’Urbanistica Alex Pratissoli evidenzia a sua volta: “Stiamo cercando di dare una nuova funzione ad un luogo con molta anima” e per questo, riprende il primo cittadino, “proporremo alla commissione toponomastica di rinominare il viale alle ‘Officine meccaniche reggiane'”. Con l’istituto storico della resistenza di Reggio, inoltre, si avvierà un analogo percorso per ribattezzare altri luoghi del complesso delle officine, che hanno segnato lo sviluppo economico di Reggio.

viale ramazzini

“Innovazione, memoria ed estetica- dice l’amministratore delegato di Stu Reggiane, la società che gestisce gli interventi, Luca Torri- sono i criteri che ci hanno guidato per tutti i lavori fatti in questi anni. Vogliamo ricreare all’esterno quello che le aziende cercano di fare al loro interno: degli spazi per la creatività e il benessere dei dipendenti, che accresce la competitività”.

Sugli immobili della parte est delle Reggiane, ancora avvolti nella nebbia sul fronte di un’eventuale destinazione, il sindaco dice: “Credo che il mondo dell’imprenditoria privata debba valutare seriamente la possibilità di investimenti in quest’area, per completarne nel tempo tutta la rigenerazione. Il pubblico, un passo alla volta, si è già mosso”.