Giro d’Italia, i reggiani attendono l’arrivo della corsa rosa fotogallery

Il pubblico è appollaiato sulle transenne di viale Isonzo, dove è stato posto il traguardo della tappa che dovrebbe arrivare intorno alle 17

REGGIO EMILIA – Reggio si appresta ad accogliere la carovana rosa che arriverà intorno alle 17. I reggiani sono appollaiati sulle transenne di viale Isonzo, dove è stato posto il traguardo della tappa Santarcangelo-Reggio Emilia, attendendo l’arrivo corridori. C’è molto caldo e c’è anche un lieve venticello che non dovrebbe creare problemi per la volata (Foto Bucaria).

La tappa si svolge interamente lungo le strade di pianura dell’Emilia-Romagna e tocca alcune località colpite dal terremoto del 2012, come San Giovanni in Persiceto (15.20 circa), Crevalcore (15.32), Camposanto (15.45), Carpi (16.18) e Correggio (16.35), fino all’arrivo di Reggio Emilia (17). È la frazione più lunga del Giro, e serve per tirare il fiato prima di pensare alle difficoltà dei giorni successivi, a partire dalla 12ª tappa, la Parma-Genova.

Le occasioni per i velocisti sono rimaste poche, Reggio Emilia è una di queste. Facile prevedere un prepotente ritorno da protagonista di Mark Cavendish, che proverà a sorprendere la maglia Ciclamino Arnaud Démare, già vincitore in due occasioni. Non sarà il solo: Caleb Ewan e Fernando Gaviria sono avversari di peso, senza dimenticare gli italiani Consonni e Nizzolo. Molto dipenderà dal lavoro delle squadre negli ultimi chilometri.