Quantcast

Le rubriche di Reggiosera.it - Italia e mondo

Mosca: “Abbiamo preso Mariupol”. Putin rinuncia ad assaltare Azovstal

La vice premier ucraina chiede un corridoio umanitario da Azovstal, dove "ci sono circa un migliaio di civili e 500 soldati feriti". Putin ha dichiarato all'agenzia Interfax che l'asssalto all'acciaieria non è necessario

Più informazioni su

ROMA – Mariupol “è stata liberata” e si avvia a cadere sotto il pieno controllo “delle forze armate russe e della milizia della Repubblica popolare di Donetsk”: così ha dichiarato il ministro della Difesa russo Sergei Shoigu, stando a quanto riporta l’agenzia Interfax. Il ministro ha chiarito che nella città portuale assediata dall’inizio del conflitto, il 24 febbraio scorso, la situazione “è calma”, che oltre 140mila persone sono state già evacuate in sicurezza, mentre esisterebbero “le condizioni per il ritorno dei civili”.

Nell’acciaieria di Azovstal invece secondo il ministro ancora si nasconderebbero “nazionalisti ucraini e mercenari stranieri“, di cui 1.500 si sarebbero “già arresi”. Quindi, ribadendo la decisione del presidente Vladimir Putin di annullare l’ordine di assaltare Azovstal, ha chiarito che sarà garantita l’incolumità di coloro che si arrenderanno. Putin, scrive ancora Interfax, ha infatti dichiarato che un assalto all’impianto non è necessario: “Questa è una circostanza in cui dobbiamo pensare a salvare la vita e la salute dei nostri militari”, ha detto.

La vice-primo ministro Iryna Vereshchuk, tramite il suo canale Telegram, ha lanciato un appello al Cremlino affinché sia “urgentemente aperto un corridoio umanitario da Azovstal, dove ci sono circa un migliaio di civili e 500 soldati feriti. Hanno tutti bisogno di lasciare l’impianto entro oggi”. Vereshchuk ha aggiunto: “faccio appello anche ai leader mondiali e alla comunità internazionale di concentrare i loro sforzi su Azovstal”, definendolo “un nodo chiave” per l’impegno umanitario.

Ieri, il comandante di Marina Serhiy Volynskyi in un messaggio video aveva spiegato che all’interno della struttura, intorno a cui negli ultimi giorni si sono concentrati i combattimenti, si contavano 500 militari e 1.500 civili. La vice-premier infine ha confermato che ieri quattro pullman di civili sono partiti da Mariupol, per dirigersi verso Zaporizhia, e che le evacuazioni proseguiranno anche nella giornata di oggi sebbene “le condizioni di sicurezza siano difficili” (Fonte Dire).

Più informazioni su