Quantcast

Le rubriche di Reggiosera.it - Italia e mondo

Il politologo: “La guerra in Ucraina può andare avanti anche 10 anni”

"Questa è come la guerra dei Balcani, che per 10 anni ha fermato il processo di integrazione europea", dice l'esperto di relazioni internazionali Francesco Strazzari

Più informazioni su

BOLOGNA – La guerra in Ucraina potrebbe durare “anche 10 anni”. E’ il pronostico di Francesco Strazzari, politologo esperto di relazioni internazionali e docente della Scuola Sant’Anna di Pisa, presente questa mattina a Bologna all’incontro organizzato dall’Istituto Salvemini durante il quale sono intervenuti anche due nuovi studenti ucraini della scuola, rifugiati a Bologna in fuga dal loro Paese.

“Non si è mai vista una guerra in cui ci sia stato un afflusso di armi come quello che stiamo vedendo che finisca presto – avverte Strazzari – in ambienti militari si parla di 10 anni. Forse si potrà arrivare a una tregua o a un armistizio, ma prima che tutto l’odio che si è accumulato si esaurisca, è plausibile che passerà del tempo“.

Nel Donbass, del resto, “c’è una storia di cattivo sangue e una catena di vendette” che si trascinano da anni. Inoltre, ragiona il politologo, “non è mai successo che una guerra di questa dimensione non abbia coinvolto i vicini. Guardate la Siria, con tutte le contraddizioni e l’ingarbugliarsi di altre questioni che vengono fuori”.

Questi sono due aspetti che “ci devono allarmare – insiste Strazzari- ne va del progetto di vita dell’Occidente. Questa è come la guerra dei Balcani, che per 10 anni ha fermato il processo di integrazione europea. Questa guerra porterà molti problemi, non solo il prezzo del gas e del grano, quindi dobbiamo fare attenzione a cosa c’è in gioco”.

Strazzari inoltre richiama l’attenzione su questo: “Qualcuno in Occidente si è messo in testa che la guerra si debba vincere e che si dia una lezione una volta per tutte a Putin e alla Russia – analizza Strazzari – il problema però è che non si capisce più la differenza tra difesa e offesa. E quindi è molto facile che si determini una escalation. Ma la Russia è la seconda potenza nucleare al mondo e un’escalation del genere non è detto che la si possa controllare fino in fondo”.

In questo contesto, mette in guardia il politologo, “non ci può essere solo il bianco o il nero. Ci deve essere anche la politica, che deve trovare lo spazio della mediazione e costruire un percorso che ci porti a dire basta senza pesare torti e ragioni. Le guerre in passato si sono fermate anche così, in maniera radicale”.

Strazzari, infine, lancia un appello alla platea degli studenti che lo ascolta. Questa “è una guerra anche mediatica – spiega l’esperto – c’è strategia di ‘deep fake’, notizie costruite e arrivate non si sa da dove, diffuse per inquinare e screditare. Rientra nel gioco di questa guerra, che è fondata sulla destabilizzazione della percezione pubblica. Non c’è più interesse a verificare e triangolare le notizie, ma è importante farlo per capire se siamo davanti a un crimine ordito e perpetrato. E per capire la logica della vittima e del carnefice. E’ un problema che la vostra generazione deve porsi. Occorre la percezione di vedere cosa accade nel mondo, andando oltre il primo titolo, il primo tweet o il post su instagram. C’è bisogno di una vostra acquisizione critica”, raccomanda Strazzari (fonte Dire).

Più informazioni su