Quantcast

Le rubriche di Reggiosera.it - Italia e mondo

Guterres a Bucha: “Mosca collabori con la Corte penale dell’Aia”

Il segretario dell'Onu: "La guerra è il male, inaccettabile nel ventunesimo secolo"

ROMA – Il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres è in Ucraina e si è recato oggi in visita a Borodianka, cittadina situata nel distretto di Bucha, area a nord di Kiev dove le truppe russe avrebbero ucciso centinaia di civili secondo le denunce del governo ucraino e di diversi organismi internazionali.

Il massimo dirigente dell’Onu ha definito la guerra “maligna, assurda” e “inaccettabile nel 21esimo secolo”. Nel corso della visita Guterres ha esortato la Russia a “accettare e cooperare con la Corte penale internazionale con sede a L’Aia” in merito ai presunti crimini di guerra commessi durante l’offensiva militare in Ucraina, come appunto quelli che si sarebbero verificati nel distretto di Bucha.

E’ previsto che il segretario generale incontri il presidente ucraino Volodymyr Zelensky. Guterres si è recato in Ucraina dopo aver incontrato in Russia il presidente Vladimir Putin e il ministro degli Esteri Sergej Lavrov. Il massimo dirigente del Palazzo di vetro, così come tutta l’organizzazione dell’Onu, è stato criticato sia per la presunta scarsa incisività dei suoi interventi nel conflitto sia per aver visitato prima la Russia dell’Ucraina.

Sul campo proseguono le ostilità che da settimane si concentrano in tutta l’area orientale del Paese. Secondo quanto riporta il quotidiano ucraino Ukrainska Pravda citando fonti di Kiev, bombardamenti di artiglieria e aerei si sono registrati nella notte a Mariupol, nelle regioni del Donbass di Donetsk e Lugansk, nell’area di Kharkiv, nel nord-est, e in quella di Zaporizhzhia, nel sud-est.

Dopo aver preso il controllo di tutta la regione di Kherson, il vice presidente dell’amministrazione civile-militare istituita dai russi, Kirill Stremousov, ha detto all’agenzia Ria Novosti che a partire dal primo maggio partirà un periodo di transizione verso il rublo, la valuta russa.

Stando a quanto riferisce la testata di Mosca, ritenuto vicino al governo, nella regione le transazioni con questa moneta sono già in vigore mentre da diversi giorni emittenti radiofoniche e televisive russe hanno iniziato a trasmettere i loro programmi (fonte Dire).