Quantcast

Giro d’Italia, le iniziative: l’11esima tappa arriverà in città il 18 maggio

E’ un programma denso di iniziative sportive, educative, culturali, come mostre, spettacoli e dibattiti, e di promozione della mobilità sostenibile,

REGGIO EMILIA – L’Italia è il Paese del grande ciclismo internazionale e Reggio Emilia – la città del Tricolore, che nel 2017, anno del 220° anniversario della nascita della Bandiera fu omaggiata di arrivo e partenza di tappa in occasione del ‘Giro 100’, quello della centesima edizione – quest’anno torna nuovamente in gara, il prossimo 18 maggio, con l’arrivo della 11^ tappa del 105° Giro d’Italia: la Santarcangelo di Romagna-Reggio Emilia, 203 chilometri attraverso Romagna ed Emilia prevalentemente in pianura, la tappa più lunga delle 21 programmate per il Giro d’Italia 2022. L’arrivo è previsto intorno alle 17 in viale Isonzo.

Dal 1927, anno del primo arrivo (vinse Alfredo Binda), Reggio Emilia è nel 2022 Città di Tappa per la settima volta; numerosi sono stati inoltre partenze di tappa e passaggi della gara sul territorio reggiano. Da Reggio Emilia proveniva Armando Cougnet, giornalista, uno dei padri fondatori e primo direttore del Giro d’Italia.

Quale segno del legame della città emiliana con la Corsa Rosa, Rcs Sport – Gazzetta dello Sport, promotore e organizzatore del Giro d’Italia, ha reso possibile l’esposizione – oggi nella Sala del Tricolore in occasione della presentazione del programma di iniziative di avvicinamento alla 11^ tappa “Arriva il Giro!” – del Trofeo Senza Fine che sarà assegnato al vincitore del Giro d’Italia 2022.

ARRIVA IL GIRO!
Reggio Emilia ha già cominciato a spingere sui pedali: qui è già Giro d’Italia. La città – l’Amministrazione comunale insieme con il Comitato di Tappa e la Fondazione per lo Sport – propone “Arriva il Giro!”, un programma di avvicinamento alla 11^ Tappa, che coinvolge la cittadinanza e “colora di Rosa” tanti spazi pubblici e privati.

“Arriva il Giro!” è organizzato in collaborazione con Comitato provinciale della Federazione ciclistica italiana, Università degli studi di Modena e Reggio Emilia, Istituti scolastici, Istituzione Nidi e Scuole dell’Infanzia, Fondazione Reggio Children-Centro internazionale Malaguzzi e Reggio Children srl, Pause Atelier dei Sapori, Remida, Collezione Cimurri di biciclette storiche, società e organizzazioni sportive quali Asd Cooperatori, Acsi, Uisp e Csi oltre a Polizia locale e Forze dell’ordine, Protezione civile, Volontari e Negozi del centro storico.

E’ un programma denso di iniziative sportive, educative, culturali, come mostre, spettacoli e dibattiti, e di promozione della mobilità sostenibile, rivolte in particolare ai più giovani ma attrattivo per tutte le età, per prepararsi all’arrivo del 18 maggio.

PERSONE
Protagonista d’eccezione di “Arriva il Giro!”, a raccontare la sua storia sportiva e la bellezza del ciclismo, sarà Sonny Colbrelli, soprannominato ‘Il Cobra’, velocista atipico e specialista delle Classiche, vincitore fra l’altro della Parigi-Roubaix e dei Campionati europeo e italiano nel 2021. E con lui, Marco Pastonesi, giornalista e scrittore, firma storica della Gazzetta dello Sport e penna prestigiosa del Giro d’Italia: sarà un piacere ascoltarlo, anche perché i suoi articoli evidenziano di solito un risvolto umano oltre che tecnico, raccontando storie di vita di atleti famosi o anche di semplici gregari.

Non mancherà Gioia Bartali, nipote dell’immortale Ginettaccio, a cui Reggio Emilia è molto legata, dato che nel 2017 ha dedicato una scuola primaria al grande campione. L’intitolazione fu decisa dagli scolari, che avevano studiato la figura di Bartali e avevano appreso che durante il secondo conflitto mondiale, Gino aveva contribuito al salvataggio di 800 cittadini ebrei, aiutandoli a nascondersi sotto mentite spoglie.

Durante gli allenamenti, che gli permettevano di spostarsi con una certa libertà lungo le strade della sua Toscana, con suo grande rischio Bartali trasportò, nascosti all’interno del telaio della propria bici, i documenti falsi che permisero agli ebrei di sfuggire a persecuzione e deportazione. Per questo Gino Bartali è annoverato in Israele tra i Giusti fra le Nazioni.

Fra le altre persone protagoniste di “Arriva il Giro!”, anche Morena Tartagni prima ciclista italiana sul podio mondiale, Sandro Donati allenatore di atletica leggera e Adriano Malori, già campione italiano di ciclismo, che parteciperanno a loro volta a una serie di incontri nelle scuole e con il pubblico per parlare della loro esperienza di vita nello sport.

EVENTI IN EVIDENZA
Le iniziative di “Arriva il Giro!” sono tante e per tutte le età. Ecco alcune fra le più significative (più in basso il programma dettagliato).

Si parte sabato 30 aprile alle ore 10 allo Spazio culturale Orologio di via Massenet, con il taglio del nastro di “Arriva il Giro!” da parte del sindaco Luca Vecchi, dell’assessora a Educazione e Sport Raffaella Curioni e del presidente del Comitato Città di Tappa Giorgio Cimurri. Lo Spazio culturale ospita “Giro giro tondo” mostra, teatri in miniatura, piccole installazioni e laboratori di Fernanda Pessolano. Mercoledì 4 maggio alle 11, inaugurazione di un nuovo chilometro della pista ciclabile a servizio di Villa Gavassa con il sindaco e gli assessori a Mobilità Carlotta Bonvicini, ai Lavori pubblici Nicola Tria e la stessa assessora allo Sport, Curioni: a Reggio Emilia – la città più ciclabile d’Italia con i suoi 257 chilometri di piste e i diversi servizi per chi utilizza i pedali – la bicicletta è popolare come mezzo di trasporto sostenibile, rispettoso dell’ambiente e versatile per raggiungere il lavoro, la scuola o per ricrearsi, concorrente all’auto nei percorsi fino a 4-5 chilometri, tipici di una città di medie dimensioni.

Giovedì 5 maggio, è il giorno di Sonny Colbrelli, che incontra al mattino gli allievi delle scuole e al pomeriggio sarà in Sala del Tricolore per un incontro (a invito) a cui parteciperanno anche Marco Pastonesi e il giornalista Gabriele Franzini, direttore di TgReggio. Ancora, venerdì 6 maggio al teatro Zavattini (Cavallerizza) alle 20.30, è in scena “W la fuga” con la Banda Osiris, Alessandro D’Alessandro e i racconti di Massimo Cirri di Caterpillar, Radio 2 Rai. Il giorno seguente, sabato 7, alle ore 17 nella sede universitaria di palazzo Dossetti in viale Allegri si inaugura, alla presenza dell’autore, la mostra fotografica “Il mio Giro” di Alessandro Trovati.

Martedì 10 maggio “Pasolini e la bicicletta” una narrazione a cura di Marco Pastonesi e Gabriele Benedetti dedicata agli studenti delle scuole superiori. Giovedì 12 maggio Sandro Donati sarà coinvolto in un talk con il sindaco Vecchi e lo stesso Pastonesi, al mattino con con le scuole e al pomeriggio con il mondo sportivo. Venerdì 13 maggio (9.30-12,30) 200 bambini della scuola primaria Bartali intervistano la nipote di Gino Bartali, Gioia Bartali e Marco Pastonesi.

La fine settimana successiva sarà all’insegna dello sport popolare: sabato 14 maggio, ore 15, via alla Pedalata non competitiva “Giro di… Reggio Emilia”, su percorsi periurbani e domenica 15 maggio dalle ore 10, la Festa della Bicicletta alla pista Giannetto Cimurri. Infine martedì 17 maggio ore 18: Aperitivo in rosa ai Chiostri di San Pietro.

Si diceva di una città in Rosa. Infatti, nel periodo di avvicinamento alla Tappa, saranno illuminati del colore del Giro d’Italia i ponti di Calatrava e la fontana del teatro Municipale Valli, mentre un contributo rilevante è offerto dai Negozi del commercio e dalle attività di ristorazione del centro storico, in un’ottica di partecipazione attiva del settore e di valorizzazione degli spazi commerciali, attivi e non, che l’Amministrazione comunale sta portando avanti anche con il coinvolgimento e il supporto delle Associazioni di categoria.

Una quarantina di esercizi commerciali ha infatti deciso di contribuire all’organizzazione di “Arriva il Giro!”, allestendo vetrine in rosa, predisponendo aperitivi e menù a tema oppure ospitando nei propri spazi espositivi biciclette storiche della Collezione di Giannetto Cimurri ed elementi provenienti da altre importanti Collezioni storiche: le Ciclo-miniature dei ‘Ciclistini’ di Corrado Monfardini, le Borracce di Marcello Murgia, le Maglie di Alessandro Oleari e Fausto Delmonte, cimeli del Ciclismo eroico, i libri dalla Biblioteca della Bicicletta di Lucos Cozza e poi figurine, cartoline, cappellini, con il contributo e la passione di Federazione ciclistica italiana di Reggio Emilia e di manifestazioni di bici ‘d’epoca’ quali la Lambrustorica, la Punzonatura e la Gonzaghesca.