Quantcast

25 Aprile, tutti gli appuntamenti per festeggiare la Liberazione

Sono numerosi, in tutta la provincia, gli appuntamenti e i festeggiamenti per la festa del 25 Aprile

Più informazioni su

REGGIO EMILIA – Sono numerosi, in tutta la provincia, gli appuntamenti e i festeggiamenti per la festa del 25 Aprile. Ne abbiamo elencati alcuni.

Reggio Emilia
Tornano in presenza i festeggiamenti del 25 Aprile, ospite della città la ministra della Giustizia Marta Cartabia. A Reggio Emilia, la commemorazione del 77° anniversario della Liberazione si aprirà alle ore 10.15 con la Messa celebrata nella basilica della Ghiara in suffragio dei Caduti. Alle ore 11, un corteo partirà da corso Garibaldi in direzione di piazza Martiri del 7 Luglio, dove verrà deposta una corona al monumento ai Caduti della Resistenza e a quello dei Caduti di tutte le guerre. Alle ore 11.30, nella stessa piazza Martiri del 7 Luglio, i saluti del sindaco Luca Vecchi, di Ermete Fiaccadori presidente Anpi e l’intervento della ministra della Giustizia, Marta Cartabia.

Albinea
Albinea si prepara a celebrare il giorno della Liberazione con una serie di iniziative, organizzate da Comune e Anpi, che avranno luogo la mattina del 25 aprile. Il 77esimo anniversario della fine del Nazifascismo inizierà alle ore 9.15 con la deposizione delle corone alle lapidi dei caduti di Borzano. Seguirà la posa della corona al monumento “mai più” di piazza Caduti Alleati di Villa Rossi, a Botteghe. Alle 10.45 ci si sposterà in municipio per la deposizione della corona alla lapide all’interno del Comune. seguirà un corteo per deporre un mazzo di fiori al cippo, recentemente restaurato grazie a Resinfloor e Canossa Stone, che ricorda Mario Simonazzi “Azor” e che si trova di fronte alla scuola primaria Pezzani in via Caduti della Libertà. A seguire il corteo tornerà in piazza Cavicchioni: qui verrà deposta la corona al monumento centrale della piazza e si terranno gli interventi delle autorità. Tutti i momenti delle celebrazioni saranno accompagnati dalle musiche della Banda di Albinea. Alle 12.30 si terrà il pranzo della Liberazione al piazzale Lavezza, organizzato da Anpi in collaborazione con Pro Loco Albinea. Il menù prevede antipasto reggiano, cappelletti in brodo, arrosto di maiale, patate al forno, zuppa inglese, bevande e caffè. Il costo del pranzo sarà di 25 euro per gli adulti e 10 euro per i bambini fino ai 10 anni. Per partecipare la prenotazione è obbligatoria telefonando ai seguenti numeri: 339.3288993 (Simone Varini), 0522.599557 (Adalgisa Ferri), 349.1247344 (Celso Rivi), 3338768159 (Ornella Margini), 0522.599565 o 333.4203498 (Circolo Albinetano).

Scandiano
Ricco il programma che si snoderà lungo tutta la giornata di lunedì 25 aprile. Si parte alle 8.45 con la deposizione di corone di alloro ai Caduti, si passa attraverso la Santa Messa, e il momento solenne al Monumento ai Caduti di tutte le guerre in piazza Duca d’Aosta, per poi trasferirsi al Parco della Resistenza con l’accompagnamento del Corpo Bandistico Città di Scandiano. Alle 11 circa davanti al Monumento ai Caduti della Resistenza di Bruno Munari i presenti ascolteranno gli interventi del Sindaco Matteo Nasciuti e del Presidente dell’Anpi di Scandiano Bruno Vivi. A seguire in programma le letture Resistenti a cura dei volontari del Servizio Civile Universale di Scandaino e un momento musicale a cura della scuola di Musica di Arceto. Alle 14.30, con partenza dal Parco della Resistenza è in programma la Pedalata della Resistenza con arrivo intorno alle ore 17 al Circolo Bisamar.

Quattro Castella
La parte istituzionale e ufficiale prenderà il via alle 9 da Puianello con la deposizione di una corona di alloro al Monumento ai Caduti, alle 9.40 stessa cerimonia al Monumento ai Caduti di Quattro Castella. Alle 10.10 da via Fratelli Cervi a Montecavolo partirà il corteo che si concluderà in piazza 1 Marzo 1944 con i discorsi del sindaco Alberto Olmi e del presidente comunale Anpi Simone Tagliati. Alle 12, nell’ex bocciodromo di Montecavolo, ci sarà il Pranzo della Liberazione (prenotazione obbligatoria 335.7750855) con stuzzichini di benvenuto, mezze maniche pomodoro guanciale pecorino, guancia di maiale brasata con cipolline in agrodolce uvetta e pinoli, dolce, acqua, vino, caffè e digestivo a 20 euro a persona. Alle 15 partirà dal Ponte di Puianello la Camminata della Liberazione (12km, 3h circa) sui luoghi significativi della Resistenza. Percorrendo la via Matildica del Volto Santo si salirà fino a Vezzano per poi attraversare il Crostolo dirigendosi verso Botteghe di Albinea prima di fare rientro a Puianello. Durante la camminata saranno ricordati tre eventi che hanno caratterizzato la lotta di Resistenza nei territori dell’Unione Colline Matildiche: lo sciopero di Montecavolo, l’eccidio della Bettola a Vezzano e l’operazione “Tombola” ad Albinea.

Vezzano
Il 25 aprile le celebrazioni consisteranno nella posa di corone e fiori ai monumenti e cippi vezzanesi: alle ore 10 al monumento alle vittime dell’Eccidio de La Bettola, alle 10.30 al cippo di via Martelli e, alle 11, al monumento ai Caduti in piazza della Vittoria, dove interverranno il sindaco, Stefano Vescovi e Ilenia Rocchi di Anpi Vezzano. Alle 11.45 ci sarà la deposizione della corona al memoriale ai Caduti nel cimitero di Vezzano. Alle 12.30, in piazza della Vittoria, si terrà la “Pastasciuttata della Liberazione”, promossa dal Centro Sociale “I Giardini” e dal gruppo d’azione 25 aprile, con il patrocinio dell’Amministrazione Comunale, la collaborazione dell’Anpi – Sezione di Vezzano sul Crostolo e il sostegno di Coop Alleanza 3.0, oltre al contributo di diversi esercizi commerciali. Il menù comprenderà un piatto di pasta, salumi e formaggi, vino e torta. Il tutto completamente gratuito. A seguire, alle 14.00, ci sarà l’esibizione del Coro Selvatico Popolare. Nel pomeriggio svolgerà la camminata della Liberazione. Si tratta di un percorso ad anello di 12 chilometri e della durata di tre ore, tra i comuni di Vezzano sul Crostolo, Quattro Castella e Albinea, per riconoscere i tre momenti più drammatici della lotta di Liberazione. Saranno tre le tappe di “narrazione” in cui verranno ricordati lo sciopero a Montecavolo del 1° marzo 1944, l’eccidio della Bettola del 24 giugno 1944 e l’attacco al comando militare nazista di Villa Rossi a Botteghe di Albinea, del 24 maro 1945. La camminata è promossa dai tre comuni in collaborazione con le rispettive sezioni Anpi. Il punto di ritrovo sarà alle 15 al ponte di Puianello, sulla Via Matildica del Volto Santo. La camminata procederà lungo la via fino a Vezzano, poi attraverserà il Crostolo in via Togliatti (km 4) e proseguirà lungo sentiero e via Fratelli Bandiera in direzione di Botteghe di Albinea (km 9). L’ultimo tratto ripercorre l’itinerario seguito da militari e partigiani per l’operazione Tombola. Raggiunta Botteghe il percorso ritornerà a Puianello nel punto di ritrovo nei pressi del ponte (Km 12).

Carpineti
Ore 9:30 messa alla Chiesa “Maria Ausiliatrice” Capoluogo in suffragio ai Caduti di tutte le guerre. Ore 10:15 corteo da via F.Crispi a Piazza Matilde di Canossa deposizione e benedizione della corona d’alloro al monumento dei Caduti della Resistenza e di tutte le guerre da Monsignor Guiscardo Mercati. Saluti dal sindaco Tiziano Borghi. Ore 10:30 iniziativa con studenti della classe 5° scuola Primaria di Carpineti con letture di testi, poesie della pace e della libertà e dalle musiche, canti dal “ Progetto Gruppo Coro”, accompagnati dalla scuola di Musica “L.Valcavi”. Ore 11 interventi. A seguire in ricordo del sacrificio dei Caduti della Resistenza, si porteranno omaggi floreali su tutti i Cippi del territorio carpinetano.

Castelnovo Monti
Il 25 aprile a Castelnovo Monti. Organizzato dal circolo arci Frank, con la collaborazione di Montagna Antifascista e del Partito Comunista. Appuntamento al Circolo Arci Frank, via pianella 57, Castelnovo ne Monti. Il programma: inizio ore 11 con l’aperitivo garibaldino, ore 13 grigliata (con prenotazione obbligatoria ai numeri 3454090499 3317019055), ore 15 inizio dibattiti. A seguire concerto folk di Bob Corn e dj set.

Guastalla
Biciclettata del 25 Aprile. Ore 8.45: concentramento in Piazza Mazzini e inizio del percorso storico fino ai cippi di San Rocco e Case di latitanza. Ore 11: ritorno in Piazza Mazzini con rinfresco. Ore 9: via Gonzaga, sotto il voltone all’inizio di via Martiri di Belfiore. Inaugurazione dell’Albero dei Diritti e dei Doveri realizzato su una idea di Anpi dagli allievi delle quinte classi dell’anno scolastico 2020/21 dell’Istituto Comprensivo F. Gonzaga. Ore 11.15: Celebrazioni ufficiali in Piazza Mazzini. Percorso della Libertà ai monumenti e cippi della Resistenza con l’accompagnamento del Corpo Filarmonico G. Bonafini.

Luzzara
A Luzzara il 25 Aprile c’è “Pedalando per la libertà”: la biciclettata parte da piazza Nodolini alle 9.30 per Codisotto (10), Casoni (10.45) e Villarotta (11.10). Alle 11.45 rientro in piazza Nodolini per l’orazione finale.A Rio Saliceto, domani alle 10, davanti al municipio, l’omaggio ai caduti. Alle 15.30, al parco Giacomo Ulivi, l’inaugurazione della stele intitolata allo stesso Ulivi e a Germano Nicolini, il partigiano Diavolo.

Gattatico
Torna il 25 aprile a Casa Cervi. Dopo due anni di partecipazione a distanza, in diretta streaming a causa della pandemia, Casa Cervi e il grande Parco dei Campirossi sono di nuovo pronti per accogliere migliaia di amici da tutta Italia per celebrare insieme la Festa della Liberazione. Per celebrare la Resistenza, la Libertà, la Pace, la Democrazia in “Cent’anni di antifascismo”, come si intitola la Festa speciale di quest’anno, che vedrà una serata di anteprima, alla vigilia della Liberazione. Come ogni anno, la grande Festa del 25 aprile inizierà intorno alle 10. Nel primo pomeriggio aprirà il palco, con i saluti istituzionali e gli interventi di numerosi esponenti della politica e della cultura. Concluderà, come sempre, la musica, con concerto e DJ set fino alle 20. Parte della Festa sarà trasmessa anche in diretta streaming sui canali dell’Istituto.

IL PROGRAMMA DELLA FESTA
Dopo la musica e le parole di Marco Rovelli & l’Innominabile, sul palco intorno alle 14,30 inizieranno i saluti istituzionali, con Albertina Soliani (Presidente Istituto Alcide Cervi), Iolanda Rolli (Prefetto di Reggio Emilia), Stefano Bonaccini (Presidente della Regione Emilia-Romagna), Giorgio Zanni (Presidente della Provincia di Reggio Emilia), Luca Vecchi (Sindaco di Reggio Emilia), il Sindaco di Gattatico Luca Ronzoni e il Sindaco di Campegine Germano Artioli.
Numerosi anche gli ospiti, in presenza e in collegamento, che interverranno a partire dalle 16: dal giornalista Marco Damilano al partigiano Giglio Mazzi al Vicepresidente ANPI Nazionale Ferdinando Pappalardo, fino a Don Luigi Ciotti, Presidente di Libera Contro le Mafie. Ci saranno anche le preziose testimonianze di Diana Bota, dell’Associazione Volontari Ucraini in Italia e di Gulala Salih, attivista per i diritti delle donne curde. In collegamento, il giovane Andrea Castronovo, che si trova sul confine tra Myanmar e Thailandia, in contatto con gli amici della Birmania, popolo oppresso da oltre un anno dalla dittatura militare.
All’interno del Parco ci saranno numerosi stand enogastronomici e punti ristoro. Nei pressi del Museo saranno disponibili ampi parcheggi dai quali partiranno navette gratuite continue dalle 10 alle 20. Il Museo Cervi rimarrà aperto per tutta la durata della Festa con ingresso a offerta libera. Tutte le info su www.istitutocervi.it.

Più informazioni su